Roma, 42€ per tre gelati. I turisti chiamano i Carabinieri

01 agosto 2014 ore 16:06, Andrea De Angelis
"La Fontana è pure chiusa per restauro, ma perché dobbiamo pagare una simile cifra?", avranno pensato i turisti prima di chiamare i Carabinieri.
Roma, 42€ per tre gelati. I turisti chiamano i Carabinieri
  Non è il monumento, come fece Totò nel celebre film, l'oggetto del contendere, ma lo scontrino finale di tre gelati presi al Bar "Il Caffè", a due passi da Fontana di Trevi. La coppia americana aveva appena concluso la cena (59 euro, vino compreso), senza resistere al desiderio di prendere una coppa di gelato, rigorosamente italiano. Tre gelati, una bottiglia d'acqua e il conto da 42 euro. A quel punto, indispettiti, i due hanno deciso di chiamare il 112. I carabinieri non hanno potuto far altro che constatare che sul menu il prezzo era quello effettivamente versato dai due, senza poter avviare nessuna sanzione contro il gestore del Caffè, che si è difeso così: "Dico sempre agli stranieri di leggere il menù! E poi le mie coppe sono talmente grandi da poter sostituire il pranzo!". La vicenda, intanto, è finita sui giornali americani. Il quotidiano The Local ha pubblicato il racconto amaro di James e Marian: "Siamo stati attenti a guardarci dai borseggiatori a Roma, ma non avremmo mai pensato che saremmo stati truffati in un bar".    
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]