Sale disoccupazione in Italia: i numeri affossano il politically correct

01 agosto 2015, Luca Lippi
Sale disoccupazione in Italia: i numeri affossano il politically correct
Puntuali come la nemesi arrivano le conferme a quanto l’intellettualmente corretto, che è il contrario del finto “politicamente corretto” prevede da mesi sull’argomento.

L’Istat segnala un nuovo passo falso, dopo quello già registrato a maggio -63mila occupati, che vede scemare gli effetti iniziali sulle assunzioni dell'entrata in vigore del Jobs Act e delle decontribuzioni sulle assunzioni a tempo indeterminato che sono in vigore da inizio anno. 

A giugno il tasso di disoccupazione risulta in crescita di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente, arrivando al 12,7%.

A giugno gli occupati diminuiscono di ulteriori 22 mila unità rispetto al mese precedente. 

Il tasso di occupazione, pari al 55,8%, cala nell'ultimo mese di 0,1 punti percentuali. Rispetto a giugno 2014, l'occupazione è in calo dello 0,2% (-40 mila), mentre il tasso di occupazione rimane invariato. 

Il numero di disoccupati aumenta dell'1,7% (+55 mila) su base mensile. Dopo il calo nel mese di aprile (-0,2 punti percentuali) e la stazionarietà di maggio, a giugno il tasso di disoccupazione cresce di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente, arrivando al 12,7%. 

E’ corretto spiegare che sono variazioni lievi, statisticamente non rilevanti, ma preoccupa l’incedere negativo e soprattutto la controtendenza rispetto a un provvedimento (il jobs act) che avrebbe dovuto fornire almeno uno shock iniziale, figurarsi il dopo!

Nei dodici mesi il numero di disoccupati è aumentato del 2,7% (+85 mila) e il tasso di disoccupazione di 0,3 punti percentuali. L'aumento del numero di disoccupati negli ultimi 12 mesi è pertanto associato ad una crescita della partecipazione al mercato del lavoro, testimoniata dalla riduzione del numero di inattivi.

Il tasso di disoccupazione giovanile è pari al 44,2%, in aumento di 1,9 punti percentuali rispetto al mese precedente. Per usare un eufemismo possiamo dire che “non ci siamo”?

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]