Salvini in Israele, Pontecorvo (Progetto Dreyfus): "CasaPound? Importante è tornare su giusta strada. Ma resta Le Pen"

01 aprile 2016 ore 12:40, Marta Moriconi
Della visita di Matteo Salvini, leader della Lega Nord, in Israele parla a IntelligoNews Gianluca Pontecorvo, co-fondatore del Progetto Dreyfus e giovane membro della comunità ebraica.

Salvini in Israele è segno di una pace fatta? Tra voi e lui non c'era il caso visto a segnare la rottura?

"Posso parlare di me. Non ho mai litigato con Salvini e non mi ritrovo ancora oggi in accordo con molte delle sue idee. Non serve ne basta un viaggio come quello appena fatto per appiattirsi proni su certe posizioni. Altre invece sono condivisibili ma bisogna rimanere sempre lucidi e non farsi tirare per la giacchetta davanti ad un gesto, importante, non fatto sicuramente da altri, ma che rimane "solo" un gesto. Renzi che infatti si è definito uno dei migliori amici d'Israele inizialmente aveva fatto un bellissimo discorso alla Knesset (parlamento israeliano) ma poco dopo ha firmato un accordo potenzialmente mortale per Israele per meri scopi economici con il nemico per antonomasia di Gerusalemme, l'Iran".

Salvini in Israele, Pontecorvo (Progetto Dreyfus): 'CasaPound? Importante è tornare su giusta strada. Ma resta Le Pen'
Le parole del leader della Lega oggi come le commenta? Le è piaciuto? 

"Israele è purtroppo da anni costretto a lottare per la propria esistenza, ogni giorno, contro terroristi che compiono attacchi terroristici contro civili inermi per motivi religiosi e non solo. Sono anni che chi sostiene Israele cerca di sensibilizzare l'Europa al pericolo del terrorismo di matrice estremista Islamica ma con scarsi risultati. Gli unici che hanno capito il messaggio sembrano essere le destre europee che in molti casi hanno interpretato a loro modo la visione d'Israele sull'argomento.
Uno dei motivi perchè non mi sento vicino a Salvini pensiero è perchè non mi ritengo un islamofobo, anche se lui lo nega, non potrei infatti esserlo per natura, anzi. 
Quello che ha detto Salvini in questi giorni attraverso i social ha però un fondo di verità. L'Europa deve intensificare i propri rapporti con Israele per rinforzare la sicurezza dei propri cittadini e non dovrebbe boicottarla cosi come avviene grazie al lavoro della Mogherini".

L'addio a CasaPound ha segnato un punto di svolta? Come fu per Fini aver condannato il fascismo? 

"Il Fascismo è morto e con esso lo sono per definizione tutti coloro che tentano in ogni modo di attualizzare una politica anacronistica anche per la storia della politica italiana. Fini percorse un processo interno di analisi arduo e apprezzabile che tutte le persone ed i politici di destra, onesti intellettualmente e con la testa sulle spalle dovrebbero affrontare. Salvini ha abbandonato CasaPound? Tutti possono sbagliare nella vita, l'importante è riportarsi sulla giusta strada. Rimangono comunque altri aspetti che non condivido con il segretario della Lega Nord come il rapporto con la Le Pen". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]