Puglia, ok della Giunta al piano di riordino. A Taranto un polo oncologico

01 dicembre 2016 ore 9:30, Andrea Barcariol
Approvato dalla giunta regionale pugliese il nuovo Piano di riordino ospedaliero. Accolte le istanze provenienti dalla provincia di Taranto dove l'inquinamento ha provocato le ormai note criticità sanitarie. Per questo ci sarà un investimento 30 milioni di euro (su un totale di 404 complessivi) che porterà a un incremento del 22% dei posti letto e alla creazione di un Polo oncologico che avrà l'Ospedale Moscati come punto di riferimento e sarà dedicato esclusivamente alle patologie oncologiche (con la collaborazione del'Irccs oncologico di Bari per accelerarne l'operatività). A dare la notizia è stato il presidente e assessore alla Sanità della Regione Puglia, Michele Emiliano che ha sottolineato come "in accoglimento da quanto richiesto da 22mila cittadini tarantini, avverrà anche la strutturazione dell'oncologia pediatrica nel Santissima Annunziata". Nella Provincia di Taranto l’attuale offerta di posti letto è pari a 884. Con la delibera di Giunta dello scorso febbraio si ipotizzava di aumentarli a 1067. La Giunta regionale li ha invece portati a 108.

Puglia, ok della Giunta al piano di riordino. A Taranto un polo oncologico
Una rete ospedaliera più efficiente e un’organizzazione territoriale in grado di soddisfare le esigenze sanitarie e socio-sanitarie dei pugliesi: sono queste le esigenze che - secondo Emiliano - sono soddisfatte dal Piano: "Gli obiettivi sono quelli di migliorare la capacità assistenziale degli ospedali pugliesi e, nel contempo, la capacità della nostra regione di programmazione, ricerca e rapporti internazionali tramite l’Aress". La riorganizzazione della rete ospedaliera consentirà di superare le inefficienze attuali e concentrare risorse economiche strutturali e professionali in modo più adeguato alla nuova realtà assistenziale.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]