La spesa maggiore per la PA è il Nord: di 3600€ medi pro capite solo Bolzano ne assorbe 9000

01 febbraio 2016 ore 12:05, Luca Lippi
Pare proprio che essere “Regioni autonome” sia divenuto un privilegio troppo sottovalutato dalla pubblica Amministrazione, e per questo motivo la Ragioneria Generale dello Stato ha lanciato un report per aiutare il Governo a individuare dove realmente ci sono i maggiori sprechi di spesa e scopriamo che non è una questione (come spesso la vulgata ha voluto sottolineare) il Sud che assorbe il maggior numero di privilegi. Il report sottolinea la spesa pro capite della Pubblica Amministrazione per abitante dividendo la rilevazione per Regione, e scopriamo con sorpresa che al primo posto per spesa c’è Bolzano dove la spesa per abitante è di 9000 euro, e più in generale la maggiore concentrazione di spesa pro capite raggiunge “numeri” importanti nel Nord.

La spesa maggiore per la PA è il Nord: di 3600€ medi pro capite solo Bolzano ne assorbe 9000
Ecco la classifica dettagliata redatta dalla Ragioneria Generale dello Stato: Bolzano 8.964
Trento 7.638,Valle D'Aosta 7.475, Lazio 6.133, Friuli Venezia Giulia 5.203, Sardegna 5.101, Sicilia 4.282, Molise 4.241, Calabria 4.143, Basilicata 3.938, Abruzzo 3.903, Campania 3.637, Liguria 3.519, Puglia 3.400, Umbria 3.108, Toscana 3.023, Marche 2.914, Piemonte 2.846, Veneto 2.741, Emilia Romagna 2.681, Lombardia 2.265
I dati aderiscono all’aggiornamento del 2014, e si riferiscono ad una spesa totale dello Stato pari a 563 miliardi, di cui poco meno di 259 ripartiti a livello regionali. 
A livello pro capite la media è dunque di circa 8.200 euro complessivamente e di 3.600 per la regionalizzata. Dunque è tra Bolzano e Trento che vivono gli italiani cui nel 2014 sono state destinate maggiori risorse pubbliche; gli abitanti delle due Province autonome si sono visti direttamente o indirettamente destinare 8.964 euro (Bolzano) e 7.638 euro (Trento), circa quattro volte quello che è invece arrivato a ciascun abitante della Lombardia, e rimaniamo ancora al Nord per rilevare dal report della Ragioneria Generale che alla Valle d'Aosta, altra Regione a statuto speciale, sono andati in media 7.475 euro a testa.
Le voci esaminate dalla Ragioneria Generale elencate sono quelle relative agli stipendi, acquisti di beni e servizi, trasferimenti ad amministrazioni ed enti pubblici, a imprese e famiglie, interessi, investimenti diretti e contributi agli investimenti. 
Sono escluse le spese per rimborsi di prestiti. 
Andando ad esaminare il dettaglio con una valutazione oggettiva dei dati assoluti, il Lazio dove il numero di dipendenti pubblici è più alto anche per la presenza del governo e della molte sedi centrali delle istituzioni nazionali a Roma, è la Regione che assorbe di più (oltre 36 miliardi al netto degli interessi), seguita dalla Lombardia (22,6 milioni), e dalla Sicilia (21,8 milioni) e dalla Campania (21,3 milioni), infatti sono anche le Regioni dove il numero degli abitanti è più alto. 

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]