Aggressione con cinghiate per Yanga Mbiwa: laziali o rapina?

01 giugno 2015, Micaela Del Monte
Aggressione con cinghiate per Yanga Mbiwa: laziali o rapina?
Aggredito in pieno centro nella Capitale l'uomo che ha deciso uno dei match più importanti di questa stagione calcistica.

Mapou Yanga-Mbiwa, autore della rete che ha dato la certezza matematica della Champions League alla Roma, è infatti stato seguito e circondato da almeno due persone dopo essere uscito da un locale. Fermato in via del Corso il giocatore francese sarebbe stato minacciato con delle cinture. Per fortuna Yanga-Mbiwa non ha riportato alcuna ferita.

Alcuni testimoni, dopo aver assistito alla scena, hanno chiamato il 113 segnalando una rissa nei pressi di Galleria Colonna, ma le forze dell'ordine sono arrivate quando i due erano già scappati. Secondo alcuni gli aggressori si sarebbero identificati come tifosi della Lazio, ma in realtà ancora non è chiaro se il movente dell'aggressione fosse una rapina o qualche malumore legato al Lazio-Roma della scorsa settimana.

Se così fosse comunque ci sarebbe da preoccuparsi. Davvero adesso i giocatori rischiano la propria incolumità semplicemente perché fanno il loro lavoro? Si può arrivare al punto in cui i calciatori (presidenti o dirigenti) debbano aver paura di girare per la città o di entrare in un locale?

Ormai è evidente che non è malato soltanto il calcio ma anche chi lo vive, e se davvero i due aggressori hanno attaccato il francese per motivi legati al Derby, possiamo dire che si è veramente toccato il fondo. Il vero timore però è che ora si cominci a scavare e scendere più in basso e non risalire. La luce in fondo al tunnel sporco e folle di questo sport è ancora piuttosto lontana...
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]