Il caso Danilo Leonardi e quello del magrebino Vs Luxuria. La discriminazione degli anti-omofobi

01 luglio 2014 ore 12:32, intelligo
Il caso Danilo Leonardi e quello del magrebino Vs Luxuria. La discriminazione degli anti-omofobi
Danilo Leonardi
 "produttore esecutivo di Correva l'Anno, a Raitre/Cultura e Storia, cattolico, sindacalista e pure ciclista" (come si descrive su twitter) ha scatenato gli anti-omofobi e secondo alcuni anche gli omofobi. Tutto è cominciato da un tweet che contestava il gaypride... Poi una volta minacciato e offeso gravemente, deve aver perso la pazienza e twittando una frase dal tenore che la maggior parte dei preti sono gay ha definitivamente firmato la sua condanna. Ecco un po' di cronistoria su twitter, per far parlare i protagonisti e non gli opinionisti. Ma la domanda delle domande è: il magrebino che offende Luxuria con parole di questo tenore "rotto in culo" e frocio" perchè non ha sollevato l'indignazione della comunità LGBT? E ricordiamo che mentre a scatenare una risposta indignata a Leonardi è stata la sua opinione sul gay pride, nel caso Pigneto l'accusa è stata scatenata dall'opposizione della nota presentatrice tv allo spaccio sotto casa sua. E per chi crede che Leonardi sia omofobo, una domanda: esiste una categoria di discriminatori non giudicati? Forse sì, infondo autore televisivo è più utile alla battaglia, no? Gli omofobi vanno pubblicamente redarguiti tutti.                      
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]