Unioni civili, Forza Italia si spacca. E la base come la pensa?

01 luglio 2014, Adriano Scianca
Unioni civili, Forza Italia si spacca. E la base come la pensa?
C'è chi inorridisce, chi ne fa una questione di priorità e chi invece è d'accordo. La svolta gay friendly di Forza Italia non convince del tutto la base del partito. Basta vedere i commenti inseriti dagli utenti sulla pagina facebook di Berlusconi. “Presidente, lei mi sta diventando troppo renziano...

Non aggiungo altro...”, scrive Joseph William Catalano. “Io sono contro alle unioni civili spero che tu non voglia fare cavolate di questo tipo”, puntualizza irritato Joseph Fabrizio Maria Hackmayer. Anche a Marco Barni la svolta proprio non va giù: “Silvio con questa affermazione hai perso moltissimi punti. Bisogna combattere per difendere la famiglia, non gli omosessuali...”. “Presidente troppi accordi con la sinistra... matrimoni gay , immigrazione... mi dispiace ma ha perso tanto sostegno cosi facendo! Si preoccupi degli italiani che tengono in piedi il paese pagando le tasse”, tuona Fabio Bonvissuto. Pure Giovanni Malkowski si unisce al coro dei critici: “Un altro grave errore. La politica si fa su argomenti alti. 

Lasciamo queste cose ai comunisti”. Doriana Benbanaste pone una questione di priorità: “Credo che l'Italia abbia dei problemi molto più importanti dei diritti degli omosessuali, manca il lavoro, le pensioni fanno piangere, la giustizia ancora di più, la promessa di ridurre i parlamentari mai mantenuta ecc... Credo che se non vuole perdere i voti di Forza Italia lei debba cambiare registro altrimenti sarà un fallimento, cosa a che auspico non accada”. 

L'idea di molti, tuttavia, è che la mossa faccia solo perdere voti. “Attenzione a non assecondare troppo leggi di sinistra, l'elettorato di destra non condivide e non perdona. Perdete voti da quando vi siete allontanati dal volere della gente”, posta Mariella Cruciani. 

Incredula Maria Prisco: “Silvio ma stai scherzando ? Hai perso anche tu la testa? Non ti perdere così x pochi voti in più !!!! Dobbiamo distinguerci dagli altri !!! Pensiamo ai veri problemi dell'Italia”. 

C'è tuttavia anche una quota di elettori di Forza Italia che si mostra comprensiva, quando non entusiasta. “Sono d'accordo. Un individuo non sceglie di essere omosessuale. Hanno il diritto di vivere un'esistenza libera da pregiudizi”, scrive Massimo Alberti. “Concordo con Silvio! 

Basta italianucci vecchi e omofobi e ignoranti! Diritti e uguaglianza per tutti”, posta Marco Campus. Più sfumato il pensiero di Tatiana Josipovic: “Non sono d'accordo neppure io, ma il pensiero liberale è liberale sempre o mai... i diritti civili sono un diritto per tutti non il matrimonio e men che meno adozioni, ma diritti civili è dovere sostenerli”. “Grandissimo Berlusconi sono un elettore di FI gay e cattolico questo è un traguardo di civiltà che rimarrà nella Storia e noi liberali non dobbiamo stare indietro”, scrive Paolo Bravi. Per Valeria De Berardinis “era ora!!! Complimenti. Ora sì che ci possiamo definire liberali”.          
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]