Calcioscommesse, Tavecchio evangelico per "salvare" Conte

01 luglio 2015, Americo Mascarucci
“Dobbiamo scacciare i mercanti dal tempio, è la cosa più importante senza equivoci e problemi”. 

Calcioscommesse, Tavecchio evangelico per 'salvare' Conte
Con queste parole il presidente della Figc Carlo Tavecchio ha commentato lo scandalo del calcioscommesse che ha avuto per protagonista il presidente del Catania Pulvirenti. In quanto alle paventate dimissioni del Commissario tecnico della Nazionale Antonio Conte che rischia il rinvio a giudizio per frode sportiva, Tavecchio ha smentito qualsiasi decisione in tal senso, ricordando che non c’è stata nessuna condanna quindi nessun motivo per cui Conte debba lasciare. 

Tavecchio dunque si richiama al Vangelo ed in particolare alla cacciata dei mercanti dal tempio da parte di Gesù, per commentare lo scandalo di questi giorni che sta gettando nuovo discredito sul calcio italiano. Dichiarazioni rilasciate nell’ambito di una conferenza stampa congiunta con il procuratore federale Palazzi e il numero uno della Lega Serie B Abodi in relazione alle inchieste. "Il presidente della Figc - ha aggiunto il procuratore Palazzi  - si avvarrà delle sue prerogative per velocizzare l'espletamento delle procedure processuali nel rispetto dei tempi del campionato. Oggi la Procura di Catania ci trasmetterà gli atti di indagine fino ad ora espletati, grazie alla disponibilità dei colleghi della città siciliana che ci mostrano considerazione e fiducia. Vogliamo giustizia e in fretta, se non facciamo queste misure i campionati non partono nei termini. È ovvio quindi che questo provvedimento si faccia". Grazie a questo provvedimento, prerogativa concessa dall'articolo 33 comma 11 del CGS, si punta ad ottenere i deferimenti entro fine luglio. "Con grande sacrificio di tutti - rileva ancora Palazzi ricordando il primo procedimento di Cremona - siamo riusciti a concludere il secondo grado il 17-18 agosto. Cercheremo di fare il più presto possibile anche sulla base delle strategie adottate". 

Palazzi quindi sottolinea come "anche la Procura di Catanzaro ci ha consegnato tutti gli atti anche per la partita Savona-Teramo e con loro abbiamo concordato un programma per le audizioni. Sarà una lotta contro il tempo".

Dunque tolleranza zero per chi sbaglia ma al tempo stesso nessuna condanna preventiva come nel caso di Conte per il quale - ha spiegato Tavecchio - deve valere il principio della presunzione d’innocenza. Il Ct quindi almeno per ora può restare al suo posto ed onorare il contratto che lo lega alla Nazionale di calcio. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]