Il decalogo per proteggere i bambini dal colpo di calore

01 luglio 2015, intelligo
Il decalogo per proteggere i bambini dal colpo di calore
Dieci regole per proteggere i più piccoli dal caldo che sta imperversando in Italia e nel resto d’Europa. Le declinano i medici dell’Ospedale Pediatrico Bambino.

UNO. Necessario tenere il bambino in casa nelle ore più calde, evitando di farlo uscire o sottoporlo ad attività fisica.

DUE. Gli esperti consigliano di non esporre mai il bambino al sole negli orari da ‘bollino rosso’, ovvero dalle 11 alle 17.

TRE. Ambienti correttamente ventilati sono indicati per combattere l’eccessivo calore esterno. Basta anche un ventilatore, mentre per quanto riguarda l’uso del condizionatore è consigliabile impostare la temperatura a 23-24 gradi. Molto importante è l’attivazione della funzione di deumidificazione.

QUATTRO-CINQUE. Meglio se il bambino indossa abiti leggeri, ovvero in grado di consentire una maggiore traspirazione. Altra accortezza da tenere a mente è vestire i più piccoli con colori chiari che respingono i raggi del sole. 

SEI. Gli esperti raccomandano ai genitori di esporre direttamente i bambini al sole con prudenza e comunque dopo il primo anno di vita. I raggi solari sono considerati utili a favorire la produzione di vitamina D.

SETTE. Il ricorso all’uso di creme solari ad alto tasso di protezione è necessario per evitare danni alla pelle in seguito all’esposizione solare, ad esempio eritemi o nei casi più gravi anche ustioni. 

OTTO. Rinfrescare più volte al giorno la testa e il corpo dei più piccoli con un bagnetto o una doccia.

NOVE. Fondamentale è bere acqua per reintegrare i liquidi persi durante la sudorazione. 

DIECI. Altrettanto importante è il tipo di alimentazione: i medici del Bambino Gesù consigliano una dieta molto ricca di frutta e verdura. Ovviamente, sono banditi sughi e grassi. 

COSA E’ IL COLPO DI CALORE. Viene classificato dagli esperti come un malessere che può palesarsi con sintomi diversi e deriva da un innalzamento repentino della temperatura del corpo. I bambini sono più esposti perché meno in grado di ‘gestire’ la temperatura corporea. La causa principale del colpo di calore è individuata nel mix tra caldo e umidità. I sintomi vanno dal mal di testa, a forme di svenimento, ai crampi. Va da sé che occorre prestare la massima attenzione nei confronti dei bambini che presentano patologie croniche.

LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]