Referendum lavoro, Cgil raccoglie 3 milioni di firme: "Basta voucher"

01 luglio 2016 ore 20:37, Andrea De Angelis
"È un risultato straordinario e importante, che testimonia il consenso che le proposte della Cgil incontrano nel Paese", commenta il leader Susanna Camusso. 

Per il leader della Cgil, il numero delle firme raccolte è "il frutto del lavoro volontario dei militanti e dei delegati della Cgil, oltre che dell'impegno di tutti i dirigenti, funzionari e collaboratori dell'organizzazione, ai quali vanno il mio ringraziamento e quello di tutta la Cgil. Ora attendiamo con fiducia - aggiunge Camusso - che la Corte di Cassazione si pronunci sull'ammissibilità dei nostri quesiti referendari e siamo pronti per la prova del voto, convinti delle nostre ragioni". 
Di cosa si tratta? Tre referendum per i diritti dei lavoratori. Sono oltre tre milioni le firme raccolte dal sindacato. Cancellazione voucher, nuovo reintegro in caso di licenziamento illegittimo per le aziende al di sopra dei cinque dipendenti e piena responsabilità solidale negli appalti: questi i tre referendum che potrebbero essere votati già il prossimo anno. 

Referendum lavoro, Cgil raccoglie 3 milioni di firme: 'Basta voucher'
Un consenso dunque importante per quesiti che ripropongono temi tanto cari al sindacato quali quello dei reintegri e della responsabilità solidale degli appalti, ma anche la spinosa questione dei voucher sulla quale si è discusso molto soprattutto negli ultimi mesi. 
Il segretario generale della Cgil ha poi ricordato che nei prossimi tre mesi proseguirà la raccolta di firme per la proposta di legge di iniziativa popolare 'Carta dei diritti universali del lavoro'. "Abbiamo raccolto oltre un milione di firme per ciascuno dei tre referendum abrogativi, possiamo fare ancora di più con le firme a sostegno della Carta. La #SfidaXiDiritti continua", conclude Camusso.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]