Rai "pesca" (a chiamata) nella concorrenza, da Sky arriva Semprini. Rivolta Usigrai

01 luglio 2016 ore 20:46, Americo Mascarucci
Dopo la nomina di Carlo Conti a direttore artistico dei canali Radio Rai una nuova bufera sta investendo in queste ore i piani alti di viale Mazzini.
Ad agitare le acque il caso legato all'assunzione di Gianluca Semprini contestata dall'Usigrai.
Il sindacato dei giornalisti Rai accusa i vertici di scarsa trasparenza a proposito dell'assunzione a tempo indeterminato dell'ex volto di Sky Tg24 che dalla prossima stagione si occuperà di politica e informazione il martedì sera su Rai3 sostituendo Massimo Giannini al timone di Ballarò.
"Altro che trasparenza - attacca l'Usigrai - In Rai tornano le chiamate dirette. I vincitori della selezione pubblica? Possono aspettare. E chi di loro entra si deve mettere in fila a fare il percorso di precariato pagato con contratto depotenziato. I vuoti di organico? Possono aspettare. Le sostituzioni delle lavoratrici in maternità? Non ci sono i soldi. Che invece si trovano per assumere da caporedattore l'ennesimo esterno. Insomma riprende la vecchia pratica della chiamata diretta. E ovviamente con tutte le garanzie: contratto a tempo indeterminato e pure graduato". 
Da quanto si apprende Semprini per il momento verrà inquadrato come caporedattore politico di RaiNews24
Ilm personale interno è sul piede di guerra; "Dopo il flop di Massimo Giannini ecco un'altra occasione persa per valorizzare le professionalità già in forza all'azienda". 
I giornalisti del Tg3 hanno già votato un documento comprensivo un pacchetto di giorni di sciopero. 

Da Viale Mazzini tuttavia precisano: "Una decisione (quella dell'assunzione di Semprini ndr.) adottata alla luce della grande esperienza maturata in un canale all news dalla new entry di mamma Rai. Nella certezza che il suo arrivo, oltre alla copertura dello spazio informativo su Rai3 il martedì sera, possa nel tempo creare valore sia per l’azienda che per la stessa Rainews24.  
Resta però la polemica sull'assunzione avvenuta a chiamata diretta.
"Tutte le procedure relative all’assunzione di Gianluca Semprini – spiegano in una nota – sono state seguite secondo le regole previste dal contratto nazionale di lavoro giornalistico. Attraverso questo incarico professionale è stato massimizzato il rapporto costi benefici invece di sostenere il peso di un oneroso contratto esterno" 


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]