Grillo critico con se stesso: "Nel 2013 non eravamo pronti". Cambiamenti in arrivo

01 settembre 2015, intelligo
Grillo critico con se stesso: 'Nel 2013 non eravamo pronti'. Cambiamenti in arrivo
Una frase che, detta da Grillo, fa notizia. «Nel 2013 non eravamo pronti. Abbiamo incamerato chiunque. Nei movimenti, nei partiti, arrivava di tutto. Gente un po’ frustrata che le ha provate tutte». Una sorta di autocrita mettendo da parte la spavalderia che tante volte il leader del Movimento 5 Stelle ha dimostrato. Il discorso è arrivato in occasione del decimo compleanno del locale meetup, uno dei primi nati nel 2005 a Brescia, insieme a lui sul palco anche Vito Crimi e Luigi Di Maio (il vicepresidente della Camera).

Grillo ha dettato la strada del rinnovamento che dovrà seguire il movimento: maggiore selezione all’ingresso e riorganizzazione, con annesso filtraggio. Immancabili le accuse al «sistema» («Siamo in un regime di dittatura che sta in piedi grazie alla propaganda») e le consuete previsioni politiche («Se andiamo alle elezioni vinciamo noi e in 24 ore sono tutti fuori dai cogl...»), ma con una novità importante per gli schemi grillini:  «se il principio uno vale uno può valere al momento del voto, non è detto che si possa applicare anche per chi poi è chiamato a fare politica all’interno delle istituzioni». In altre parole: non basteranno più pochi voti online per entrare in Parlamento, l'obiettivo è selezionare i migliori.

Parola d'ordine: ripartire dal territorio, dai meetup
. E il sistema che è andato avanti fino ad oggi, molto liquido, molto aperto, va rivisto: «Cercheremo di organizzare meglio i meetup» dice Grillo, che ha affidato il compito ad Alessandro Di Battista e a Roberto Fico, due dei cinque membri del «direttorio». E per evitare sorprese è stato messo nero su bianco un concetto chiarissimo: «La partecipazione al meetup non dà diritto all’uso del simbolo MoVimento 5 Stelle». I meetup dunque potranno nascere spontaneamente, ma solo alcuni verranno considerati ufficiali. L'obiettivo è quello di trasformarli in una sorta di sedi territoriali, strutturandosi come un vero partito.


 Seguici su Facebook e Twitter
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]