"La Storia Infinita" missione compiuta: rivive ancora dopo 37 anni

01 settembre 2016 ore 16:06, Americo Mascarucci
''La storia infinita'', compie 37 anni.
La storica pellicola del 1984 era ispirata al romanzo omonimo di Michael Ende che seppe mettere in mostra le sue doti di abile narratore.
Ma senza il film probabilmente il romanzo non avrebbe ottenuto tanto successo. 
E’ la storia di Bastian, un ragazzino riservato e sognatore che ha perso la mamma. Per scappare da alcuni compagni di scuola simbolo dei moderni bulli, entra in una libreria dove ci sono vecchi libri dappertutto, e seduto su una poltrona c'è un uomo anziano che lo accoglie molto bruscamente. Si dimostra subito molto interessato allo strano libro che il padrone della libreria tiene in mano e che si intitola appunto La storia infinita. Appena il libro resta incustodito, Bastian lo afferra e scappa via, lasciando però un biglietto che dice: "Stia tranquillo, glielo restituirò". 
Il proprietario lo guarda allontanarsi sorridendo divertito.
Bastian col libro sotto la giacca arriva a scuola di corsa, ma è in ritardo, sbirciando dentro l'aula scopre che c'è un compito in classe, decide allora di nascondersi nella soffitta della scuola. Qui si prepara un piccolo giaciglio e inizia avidamente a leggere il suo libro. Egli è quindi il narratore della storia che viene rappresentata in una foresta, dove alcune creature fantastiche si incontrano: un Mordiroccia, un Maghetto e un Omino con una lumaca e un pipistrello.
I tre iniziano a discutere della loro missione alla Torre d'avorio: vogliono raggiungere l'imperatrice per parlarle del Nulla (un'entità potentissima che somiglia ad un gigantesco ciclone che minaccia le loro terre). Giunti alla mitica torre, dove si sono riunite diverse creature del regno di Fantàsia, il portavoce dell'imperatrice annuncia che la stessa Infanta è gravemente malata, e che solo un giovane eroe può salvarla, un tale Atreyu, un giovane fanciullo, che si presenta e accetta il gravoso incarico e l'Auryn, il simbolo dell'imperatrice.

'La Storia Infinita' missione compiuta: rivive ancora dopo 37 anni
Atreyu in groppa al suo cavallo Artax inizia la sua ricerca per le terre di Fantàsia e contemporaneamente si materializza Gmork, un Lupo nero enorme che lo insegue tentando d'impedirgli di compiere la sua missione. Alla fine non sarà Atreyu a salvare Fantasia ma Bastian stesso
L'imperatrice chiede a lui di ricreare quel mondo attraverso i suoi desideri, ogni cosa gli sarà permessa.
In pratica la storia diventa infinita perché qualsiasi bambino con la sua fantasia sarà in grado di ricrearla facendo rivivere i personaggi e sconfiggendo quel nulla rappresentato proprio dall'assenza di fantasia.  
Erano anni in cui i bambini leggevano ancora le favole e non esistevano i social, le playstation e tutte le moderne tecnologie che hanno fatto perdere agli adolescenti di oggi la voglia e la capacità di sognare.
L'avventura di Bastian nel mondo incantato di Fantàsia è celebrata da Google con il primo doodle in 3D dedicato al 37esimo anniversario.
La prima immagine del doodle con Bastian che legge, ricorda la particolarità del libro stampato usando il doppio inchiostro: rosso per il testo ambientato nel mondo degli umani e verde per le parti che si svolgono a Fantàsia. 
Inoltre, l'inizio di ognuno dei 26 capitoli era decorato con le lettere in ordine alfabetico dalla A alla Z, realizzati da Roswitha Quadflieg. Nelle immagini successive del doodle, realizzato da Sophie Diao, scorrono alcuni momenti della storia, dal volo di Atreiu sul drago Falkor al mondo incantato di Fantàsia, l'incontro con la piccola imperatrice e il lieto fine.
Michael Ende nella trama del romanzo pare si fosse ispirato ad una ricerca realizzata dal sindacato dei metalmeccanici tedeschi. Il sindacato aveva compiuto un' inchiesta tra i bambini dal titolo ''Come immaginate il vostro futuro?''; e leggendo le impressionanti risposte che i ragazzi avevano dato, lo scrittore seppe così creare questa storia ancora oggi infinita. O quasi. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]