Papa Francesco gira ma non incontra mai Scola. Niente visita a Milano

10 dicembre 2015 ore 16:58, Americo Mascarucci
Papa Francesco gira ma non incontra mai Scola. Niente visita a Milano
“Il cardinale Angelo Scola – si legge in un comunicato della Sala Stampa della Santa Sede – ha informato di aver ricevuto comunicazione dalla Segreteria di Stato secondo cui, a causa dell’intensificarsi degli impegni per il Giubileo, è intenzione del Santo Padre di rinviare le visite pastorali in Italia. Di conseguenza, – precisa la nota ufficiale – la visita a Milano già ufficialmente programmata e annunciata per il 7 maggio 2016, verrà posticipata all’anno 2017. Il cardinale Scola ha osservato che sarà l’occasione per il Santo Padre di concludere la visita pastorale in atto nella arcidiocesi di Milano”.
Fin qui la nota ufficiale della Santa Sede.
La notizia a prima vista potrebbe sembrare una non notizia visto che per Francesco sembra una prassi ormai consolidata quella di annullare le visite con scola evitando quasi scientificamente l’incontro con il suo grande sfidante nel conclave del 2013. 
Eh sì, perché proprio l’arcivescovo di Milano che Benedetto XVI pare su suggerimento esplicito dell’allora segretario di Stato Tarcisio Bertone nominò rompendo la tradizione del progressismo  ambrosiano iniziata con Montini e proseguita con Colombo, Martini e Tettamanzi, era il candidato di punta dei conservatori nell’ultimo conclave. 
A sostenerlo la schiera dei porporati più vicini a Ratzinger, oltre che il cosiddetto “partito italiano”,(l'asse Bertone-Sodano) cui però pare abbiano fatto argine i cardinali statunitensi e quelli cosiddetti periferici (latino-americani, asiatici, australiani e africani) che puntarono in maggioranza proprio su Bergoglio riuscendo a condurlo alla fumata bianca. 
Secondo i rumor i sostenitori di Scola avrebbero fatto di tutto per impedire l’elezione di Bergoglio fatto questo che deve aver lasciato nell’attuale pontefice una certa diffidenza nei confronti del suo personale antagonista. Che per altro Francesco si è pure ritrovato nel Sinodo ordinario sulla Famiglia, non per sua scelta, ma in quanto eletto dalla Conferenza Episcopale italiana. 
Dicevamo delle tante volte che Bergoglio ha rifiutato di incontrare Scola. 
Il 4 dicembre del 2013 ad esempio, Scola e il commissario dell’Expo Giuseppe Sala bussarono alla porta del Papa nella casa Santa Marta per essere ricevuti e poterlo così invitare formalmente all’inaugurazione dell’evento. I due però non "furono fatti entrare" perché il Papa si disse aveva avvertito un leggero malore. Francesco inoltre non si è fatto vedere all’Expo e ha pure disdetto una visita al Policlinico Gemelli di Roma nel giugno del 2014 anche lì a causa di un improvviso malessere. A ricevere Francesco in quell’occasione ci sarebbe stato Scola in qualità di presidente dell’Istituto Toniolo. 

Adesso questa nuova doccia fredda con il rinvio della visita prevista la prossima primavera. Se ne riparlerà forse nel 2017, anno in cui Scola potrebbe non essere più alla guida dell’Arcidiocesi visto che proprio nel 2016 il cardinale compirà settantacinque anni e sarà obbligato a rassegnare le dimissioni per raggiunti limiti d’età. 
Vuoi vedere che Bergoglio ha già preventivato l’accettazione della rinuncia e la nomina del successore? Magari un altro prete di strada come quelli scelti per guidare le arcidiocesi di Bologna e di Palermo? 
Per carità, si tratta di insinuazioni malevole ma sta di fatto che troppi indizi finiscono per fare una prova. Scola oltre ad essere stato il principale avversario di Bergoglio nel Conclave e aver più volte assunto posizioni di dissenso rispetto alle aperture della Chiesa sulla comunione ai divorziati risposati e le coppie gay, è da sempre un esponente di punta di Comunione e Liberazione. Peserà anche questo nel giudizio di Francesco? 
Nonostante infatti il "bergoglismo spinto" che ha contraddistinto l’ultimo Meeting dell’amicizia fra i popoli, il movimento fondato da Don Giussani risulta da sempre particolarmente indigesto ai progressisti di Curia. 
Forse la visita a Milano più che in attesa di tempi migliori è stata forse rinviata in attesa di arcivescovi diversi? 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]