Le dimissioni del sindaco Capuozzo di soli 20 giorni: e ora che succede?

10 febbraio 2016 ore 8:21, Andrea De Angelis
Le dimissioni del sindaco Capuozzo di soli 20 giorni: e ora che succede?
Mentre a Roma ci si interroga sulla bontà delle sanzioni previste per i consiglieri pentastellati che dissentiranno dai vertici del Movimento, ecco che a Quarto riesplode un caso finito in soffitta per circa tre settimane, esattamente venti giorni. Era infatti il 21 gennaio quando il primo cittadino di Quarto aveva gettato la spugna anche alla luce dell’espulsione dal Movimento Cinque Stelle annunciata da Beppe Grillo con un post sul blog. "Ha vinto la camorra", disse, facendo andare su tutte le furie Rosi Bindi, incontrata nei giorni immediatamente precedenti la decisione. 

Una decisione che, come prevede la legge, non è finale. Così, proprio come accadde lo scorso anno a Roma con l'ex sindaco Ignazio Marino, ecco che Rosa Capuozzo ha deciso di ripensarci. Torna, dunque, sindaco di Quarto, ma per quanto? A differenza di quanto successo in Campidoglio potrebbe trattarsi di mesi, non di giorni. Perché la Capuozzo sembra avere il sostegno di parte dei consiglieri di centrodestra e se i numeri venissero confermati avrebbe buone possibilità di restare in sella, con tutte le ripercussioni politiche. 
A partire dalle parole di un uomo che al Movimento 5 Stelle non è mai stato particolarmente simpatico. Sulla vicenda è infatti intervenuto anche il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che a Radio Kiss Kiss Napoli ha detto: "Il sindaco ha fatto bene a ritirare le dimissioni se ritiene di avere la coscienza a posto e la maggioranza in aula. Il caos Quarto è tutto responsabilità dei Cinque stelle che non hanno capacità di governo e hanno gettato fango su una intera città. Fanno solo ammuina e chiacchiere, cominciano a darmi fastidio".

"In queste settimane - ha detto a caldo il sindaco della cittadina flegrea - ho ricevuto diverse richieste perché ritirassi le dimissioni. Perciò ho deciso di restare. Così difendo la mia città. Ancora una volta prendo una decisione senza fare calcoli politici. Quarto ha bisogno di una guida forte senza colori politici. Non mi sottraggo alle responsabilità ed alla critiche che ne verranno. Ho deciso di restare, per portare a compimento alcuni progetti già intrapresi e da intraprendere ad esclusivo beneficio dei cittadini". "Vado avanti per realizzare il progetto politico presentato all'atto della mia candidatura e per non deludere le attese e le speranze dei cittadini di Quarto", ha aggiunto la Capuozzo che ha giustificato le dimissioni rassegnate il 21 gennaio scorso come "dettate da eventi mediatici che avevano avuto ripercussioni negative sul suo gruppo. Le attestazioni e gli inviti ad andare avanti non solo da parte dei miei consiglieri ma anche da parte delle forze di opposizione mi hanno dato la spinta a continuare nel mandato".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]