Unioni civili, Savarese: "Messaggio a Renzi e Alfano. Previsioni sul voto e cosa faremo se passeranno"

10 febbraio 2016 ore 12:42, Adriano Scianca
"Il ddl Cirinnà è pensato per aprire, prima o poi, all'utero in affitto". E ancora. "Il suo dna è equiparare famiglia e unioni gay". Risponde a Matteo Renzi, Filippo Savarese di Generazione Famiglia, facendo chiarezza sul "mercinomio" ammesso anche dallo stesso premier. La chiara presa di posizione del preisdente del consiglio non è che uno degli effetti del Family Day, alle prese ora con l'esito del voto e con suo futuro.

Matteo Renzi sembra prendere le distanze dalla stepchild-adoption pur di salvare le unioni civili, criticando il "mercimonio" derivante dall'utero in affitto. Effetto Family Day?

Unioni civili, Savarese: 'Messaggio a Renzi e Alfano. Previsioni sul voto e cosa faremo se passeranno'
"Senza il Family Day non avremmo avuto niente di politicamente rilevante: Beppe Grillo che sottomette l'autorità della rete alla libertà di coscienza, i cattolici del Pd che contestano a viva voce l'antropologia dei Lo Giudice, Scalfarotto e Cirinna, la Finocchiaro che proporre di impegnare il Governo contro l'utero in affitto, il Ministro Lorenzin che va in televisione un giorno sì e l'altro pure sempre contro l'utero in affitto, definendolo "ultraprostituzione", e ora questa chiara presa di posizione di Renzi stesso. Insomma, il popolo del Circo Massimo ha inchiodato Governo e Parlamento alla nuda verità: dal ddl Cirinnà dipende l'ingresso o meno dell'Italia sul mercato internazionale di figli a portar via. Ora però bisogna tirare le fila".

In che modo? 

"Il ddl Cirinnà è pensato per aprire, prima o poi, all'utero in affitto. Il suo dna è equiparare famiglia e unioni gay. Se passa l'impianto, anche senza stepchild-adoption, la CEDU imporrà le adozioni come ha fatto con l'Austria. Credo che in Parlamento ci siano le condizioni per ammettere questo peccato originale, mi fa ben sperare che ha ricordarlo ieri in Aula sia stato il vicepresidente dei senatori Pd Stefano Lepri. Dopo la frenata di Renzi però solo Alfano e il Nuovo Centrodestra possono porre il ritiro del ddl Cirinnà come questione politica su cui ci si gioca la tenuta del Governo. Ho ascoltato i loro interventi: D'Ascola, Formigoni, Sacconi e tutti gli altri. Parole chiare e ferme, come quelle del Ministro Lorenzin, di cui sono personalmente grato. Ma se non mettono in dubbio la tenuta del Governo, come ha notato
Unioni civili, Savarese: 'Messaggio a Renzi e Alfano. Previsioni sul voto e cosa faremo se passeranno'
Gaetano Quagliariello, lasciano il tempo che trovano e rischiano anzi di apparire ipocrite". 

Oggi si inizia a votare in Aula. Che previsioni fate? 

"I voti segreti rendono tutto incerto. Chi si dice favorevole potrebbe votare contro e viceversa, per mettere in difficoltà Renzi verso le amministrative o, viceversa, per non far ballare troppo le poltrone nel Governo. I tempi si allungheranno, perché il Senato deve affrontare anche altri temi improrogabili. Il primo test politico è sull'articolo 3, che equipara unioni civili e matrimonio aprendo già all'adozione. Poi c'è l'articolo 5 sulla stepchild-adoption. Se fossero bocciate le unioni civili morirebbero d'infarto, perché quello è il cuore pulsante del ddl. Non credo che M5S e sinistra Pd voterebbero ciò che il mondo Lgbt non vuole. La gente del Family Day continua a sperare in una botta di orgoglio di Alfano, perché altrimenti le foto postate su Twitter col portavoce Gandolfini il giorno della manifestazione ci risulterebbero una strumentalizzazione a dir poco offensiva che non gli potremmo mai perdonare". 

Dunque insiste: "Alfano ci ricorderemo"?

"Ci ricorderemo di tutto e di tutti. Qui si sta ricostituendo un popolo nuovo sotto tutti i punti di vista, credo anche elettorale. Francamente dubito che se la legge dovesse passare, gli elettori moderati di centrodestra potrebbero mai dimenticare che l'unica chance vera di evitare questo esito era nelle mani di Alfano. Ormai siamo sull'orlo del baratro, nessuna conseguenza alla minaccia di crisi può essere peggiore di quel che comunque si profila. Abbiamo invece la possibilità di evitare la caduta. Chi tiene il freno a mano lo tiri ora o taccia per sempre". 

Che farete se la legge passerà, con o senza stepchild-adoption?

"Continueremo a contestare il ddl finché - Dio non voglia - non dovesse essere firmato dal Presidente Mattarella. A quel punto è facile immaginare che tutti i nostri sforzi si sposteranno sul primo appuntamento utile per manifestare tutto il nostro rammarico di cittadini. Se passerà il ddl Cirinnà io personalmente farò campagna attiva per il no al referendum costituzionale di ottobre, a cui Renzi ha legato la sua esperienza politica, matrimonio gay compreso. Non sono affatto ostile a Renzi e molte cose fatte dal Governo le apprezzo sinceramente, ma a mali estremi, estremi rimedi". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]