Dramma a Fabriano, bimba di 4 mesi muore all'asilo nido. L'incubo della morte in culla

10 febbraio 2016 ore 20:42, Andrea Barcariol
Tragedia a Fabriano. Una bimba di 4 mesi è stata trovata morta nel suo lettino questa mattina, verso le 11.30, in un asilo nido. Secondo una prima ricognizione cadaverica del corpicino, si tratterebbe della cosiddetta "sindrome da morte in culla". La bimba si era addormentata e non si è risvegliata per prendere il latte del biberon. I carabinieri escluderebbero al momento qualsiasi responsabilità dell'asilo. Ad accorgersi che qualcosa non andava sono state le operatrici del nido che hanno subito chiamato i soccorsi dopo disperati tentativi di rianimarla ma non c'è stato nulla da fare. I carabinieri hanno avviato un' indagine di prassi, per escludere qualsiasi altra ipotesi. Il pm Andrea Laurino ha disposto  l'autopsia. Cordoglio è stato espresso dal sindaco Sagramola, mentre l'intera comunità si è stretta intorno alla famiglia per questa drammatica vicenda. 

Dramma a Fabriano, bimba di 4 mesi muore all'asilo nido. L'incubo della morte in culla
La morte in culla
E' l'incubo dei neo genitori. La morta in culla è un fenomeno che gli esperti stanno studiando da anni. Un gruppo di ricercatori statunitensi ha scoperto la causa della sindrome della morte improvvisa infantile (Sids): un problema ad alcuni neurotrasmettitori che impediscono al bambino di svegliarsi in situazioni pericolose come quando stanno assumendo troppo poco ossigeno. I ricercatori del Boston Children's Hospital hanno analizzato campioni del cervello di 71 bambini morti per presunta Sids tra il 1995 e il 2008. Fra loro ce ne erano alcuni messi a dormire in condizioni considerate poco sicure, ad esempio a faccia in giù, ma anche altri addormentati in posizioni sicure. In tutti i casi sono state trovate alterazioni nei livelli di alcuni neurotrasmettitori, dalla serotonina ai cosiddetti recettori Gaba. "Queste sostanze controllano respirazione, ritmo cardiaco, pressione e temperatura - spiegano gli studiosi - in questo caso impediscono ai bambini di svegliarsi se respirano troppa anidride carbonica o il corpo diventa troppo caldo. Le regole per una corretta messa a letto restano quindi fondamentali, per evitare di mettere i bimbi in situazioni a rischio asfissia da cui non sono in grado di difendersi. Invece secondo una ricerca di qualche mese fa della London School of Hygiene and Tropical Medicine pubblicata sul British Medical Journal, il rischio di "morte nella culla" si quintuplica se il bebé dorme nel letto dei genitori. Lo studio è stato effettuato su un campione di 1.472 casi di Sids e 4.679 bimbi del gruppo di controllo ed è la più ampia ricerca mai effettuata a livello individuale sul problema.




caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]