Incubo Parma: 20 giorni per evitare la serie D

10 giugno 2015, intelligo
Era finalmente tornato il sorriso sul volto dei tifosi gialloblu. Ma è subito svanito.

Incubo Parma: 20 giorni per evitare la serie D
Il Parma aveva infatti reso noto nella tarda mattinata di ieri che "risulta presentata al notaio Giulio Almansi, designato dal giudice delegato a sovrintendere alle operazioni di vendita competitiva dell'azienda sportiva, un'offerta in plico sigillato" per l'acquisto della società.

Tradotto: la squadra emiliana avrebbe potuto continuare a vivere, ripartendo dai cadetti. Serie B e non D dunque, come temuto fino a quel momento.

Tutti a chiedersi il nome dell'offerente, con un'unica risposta: Giuseppe Corrado, presidente e Ad di 'The Space Cinema'.

Sembrava quasi cosa fatta, e invece per l’agonia del Parma Calcio non è ancora stata scritta la parola fine. L’unica offerta presentata nell’ultima asta del 9 giugno dopo le precedenti cinque andate deserte, non era infatti un’offerta, ma soltanto una manifestazione di interesse, ritenuta quindi non valida ai fini dell’acquisizione del club fallito lo scorso 19 marzo. 

Ora la palla passerà di nuovo al Tribunale, che potrebbe decidere di aprire la strada a una trattativa privata con chi si è fatto avanti. 

Il tempo però stringe: le iscrizioni alla serie B dovranno avvenire entro il 30 giugno. 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]