Scontro Lorenzin - Santanchè. Le pitonesse si tolgono i sassolini dalle scarpe

10 luglio 2013 ore 18:45, intelligo
Scontro Lorenzin - Santanchè. Le pitonesse si tolgono i sassolini dalle scarpe
di Andrea De Angelis «Lei è con noi da poco, non rappresenta la maggioranza del partito». Il ministro della Salute Lorenzin così ha apostrofato  la Santanchè, al termine di una giornata di fuoco per la politica italiana. Nuova benzina è arrivata dunque direttamente dalla titolare di un ministero, e non è un caso che sia così. La disputa tra falchi e colombe infatti è continuata e sono queste ultime, sembra dire la Lorenzin, ad avere la meglio. Coloro cioè che non vogliono far cadere il governo, e se è per il bene del Paese o dell'attuale incarico istituzionale (o entrambi), sarà il tempo, forse, a dirlo. Dall'altra parte, però, i sassolini nelle scarpe non mancano. Proprio la pitonessa, in fondo, poteva aspirare ad una poltrona, ed ora non vuole rinunciare a quella di Vicepresidente della Camera. A questo punto il sospetto è d'obbligo. Altro che Berlusconi... La senatrice Puppato del Pd, sulle nostre pagine, lo aveva ben spiegato: «Vinta la battaglia di tenere fuori i vecchi volti dal Governo, adesso le altre battaglie sono sterili. La Santanchè non è un problema serio, si tratta di una sciocchezza e, ripeto, non comprendo chi si stupisce di questa proposta ampiamente prevedibile». Ma se il Pdl è in agitazione, anche le sciocchezze possono dare molto fastidio...
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]