Ritorna Gomorra, al via la serie dei record. Saviano: "Un boss ragiona come un ministro"

10 maggio 2016 ore 8:05, Andrea Barcariol
Torna stasera su sky la seconda stagione di Gomorra, serie cult attesissima. Ogni martedì due episodi per conoscere il destino della famiglia Savastano, del rivale Salvatore Conte e del "ribelle" Ciro. A presentare i nuovi episodi è intervenuto sul palco del Teatro Costanzi anche Roberto Saviano, autore dell'omonimo bestsellers a cui la serie è ispirata. "La testa di un boss ragiona esattamente come quella di un amministratore delegato o di un Primo Ministro: il potere ha un'unica dimensione e ha sempre la stessa logica e lo sforzo di Gomorra è di raccontare attraverso il crime meccanismi che sono tipici dei rapporti umani in qualsiasi contesto restituendo la verità sulla vita, la vita nuda" - a spiegato Saviano - È un antico vizio italiano quella di prendersela con chi denuncia il male e non con il male stesso. Lo diceva anche Giacomo Leopardi nello Zibaldone. Nella prima stagione abbiamo raccontato per la prima volta come si manipolano le elezioni con la scheda “ballerina”, un episodio preso proprio dalla cronaca".
Dodici nuovi episodi, due a sera, in onda ogni martedì, che sono stati diretti da quattro registi con oltre 200 attori, in 32 settimane, tra Italia, Germania e Costa Rica: Stefano Sollima, Claudio Cupellini, Francesca Comencini e Claudio Giovannesi. La prima serie di “Gomora” ha riscosso un successo straordinario: vista da un milione di spettatori nella prima settimane, è stata venduta in 130 Paesi. E già si stanno preparando anche la terza e la quarta stagione. Tra gli attori della seconda serie, molte conferme: Salvatore Esposito, Marco D’Amore, Fortunato Cerlino e Marco Palvetti. Fra le novità, l’ingresso di due nuove dark lady, anche per sostituire di Imma Savastano, uccisa nella penultima puntata su ordine di Ciro.
 
"La serie è stata venduta ad oggi in oltre 130 paesi - ha sottolineato Andrea Scrosati, vice presidente esecutivo Programming Sky- eppure non mi basterrebbe un'ora per ricordare quanti, all’inizio, quando parlavamo del progetto della serie, diceva che una storia del genere, in napoletamno, non l’avrebbero vista a Roma, figuriamoci a Parigi. Con 'Romanzo Criminale' è come se avessimo fatto il liceo del rischio, 'Gomorra' è stata l’università, adesso forse possiamo dire che siamo laureati. Continueremo a prenderci rischi sia creativi sia produttivi, puntiamo in questa direzione anche nei prossimi anni". E' già in corso il lavoro di scrittura per la terza e la quarta serie.
Il primo record per Gomorra è stato raggiunto la scorsa primavera in occasione dell’esordio su Sky Atlantic: i primi due episodi della serie sono stati visti da 650.000 spettatori, doppiando così il successo dell’altra grande produzione Sky, Romanzo Criminale 2, che all’esordio aveva raccolto 358.000 spettatori medi. L’esordio in chiaro su Rai Tre, a distanza di circa due mesi dalla prima, ha consentito alla rete nazionale di raggiungere record mai toccati con la proiezione di una fiction in seconda serata: share medio del 7%, con punte del 13,37% in occasione della proiezione dei primi due episodi, per un corrispettivo di oltre 2 milioni di telespettatori




caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]