Fortuna, legale nonni: "Scuola non ha colpa". Chiesto sequestro relazioni degli insegnanti di sostegno

10 maggio 2016 ore 12:42, intelligo
Possibile che dalla relazione non sia emerso alcun indicatore di abusi? A Caivano, il 24 giugno del 2014, è morta Fortuna senza che nessuno intuisse cosa stesse accadendo e ora Angelo Pisani, un legale della famiglia di Fortuna precisamente dei nonni, se lo chiede e lo ha chiesto al'autorità giudiziaria. Questo perché di solito affiancare un docente speciale, che accompagni i bambini nel percorso scolastico, presuppone come iter burocratico la "diagnosi funzionale" da parte di un esperto che possa stabilire la necessità o meno.
Fortuna, legale nonni: 'Scuola non ha colpa'. Chiesto sequestro relazioni degli insegnanti di sostegno
Dice proprio Pisani: "Ho chiesto all'autorità giudiziaria di sequestrare le relazioni sulle diagnosi funzionali, cioè gli incartamenti relativi a tutti i bambini del Parco Verde di Caivano
a cui è stato concesso l'insegnante di sostegno, tra i quali figura anche Fortuna Loffredo e le sue amichette". Chiede degli accertamenti perché vuole chiarire ogni dubbio, come dichiara. E' possibile che da tutti gli esami che sono stati eseguiti sui piccoli non sia mai emerso il malessere che avevano dentro, frutto delle raccapriccianti violenze che subivano? Le indagini accerteranno la verità. 
"C'è chi ha dato la colpa alla scuola – continua Angelo Pisani – ma la scuola ha fatto il proprio dovere" conclude poi,"(...) tant'è che a loro è stato concesso il sostegno di un docente".

E allora? Obiettivo dei legali è "capire se i bambini potevano essere salvati grazie a quegli esami che prevedono anche l'analisi psicologica". Intanto Caivano continua a chiudersi nel silenzio e Raimondo Caputo, già in cella per abusi sessuali sulle figliolette, rimane indiziato.  E se è grave che nessuno abbia parlato, forse questa omertà è anche peggiore. La scoperta degli orrori si deve solo alla figlia della compagna di Caputo, la migliore amichetta di Fortuna. Lei ha capito che doveva parlare per salvarsi. Lei ha squarciato il silenzio. 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]