Fiducia unioni civili, Castaldini (Ncd): "Non è la miglior legge possibile. Ma questa è la politica"

10 maggio 2016 ore 16:10, Andrea De Angelis
Dopo il no dell'Aula sulle questioni pregiudiziali in mattinata il ministro per i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi ha posto la questione di fiducia. Il via libera al testo dovrebbe arrivare giovedì 12 maggio, come previsto da giorni.
In favore del provvedimento la maggioranza, compresi i centristi di Ap: anche Paola Binetti ha annunciato il suo sì alla fiducia e al massimo l'astensione sul voto finale (il regolamento della Camera distingue i due voti, come spiega l'Ansa). Potrebbe astenersi o uscire dall'Aula sul voto finale qualche cattolico del Pd, con Gianluigi Gigli (Ds-Cd) che si è detto pronto a non votare la fiducia (è anche presidente del Movimento per la vita).
Dopo i toni esultanti di Matteo Renzi, anche altri ministri hanno espresso la loro viva soddisfazione a 48 ore dal voto finale. "Credo si possa dire con grande soddisfazione - ha detto il ministro Andrea Orlando - che si tratta di una conquista di rilevanza storica per i diritti civili nel nostro Paese". Parere condiviso dal ministro Maria Elena Boschi, che aggiunge: "Per quel che mi riguarda questa legge è un motivo valido per giustificare il mio impegno in politica".
Intelligonews ne ha parlato con Valentina Castaldini, portavoce del Nuovo Centrodestra...

Il Governo pone la fiducia su un provvedimento di iniziativa parlamentare e le opposizioni insorgono. Che idea si è fatta?
"Credo che abbiamo sostanzialmente ripercorso la strada percorsa al Senato, anche da un punto di vista dei contenuti. No alla stepchild adoption, no alle adozioni e quindi l'impossibilità per la giurisprudenza di fare sentenze fantasiose. Questo è il punto nodale di una vicenda molto lunga. Sulla questione della non possibilità di parlarne, credo che in tre mesi alla Camera c'è stato un tempo molto lungo di dibattito". 

Questa è la miglior legge possibile?
"Sicuramente non è la miglior legge possibile, ma molte cose che ci hanno visto contrari finalmente le abbiamo ottenute. Quindi, insomma questo è il risultato di una mediazione lunga e faticosa che credo debba finire per evitare che i giudici possano avere un'interpretazione non proprio autentica di una legge che a breve ci sarà". 

Fiducia unioni civili, Castaldini (Ncd): 'Non è la miglior legge possibile. Ma questa è la politica'
Molti si interrogano sul perché i parlamentari cattolici votino questa legge. Lei da cattolica e portavoce del suo partito come risponde agli elettori?
"Ribadisco la posizione. La politica è fatta di numeri e mediazioni e soprattutto di sano realismo. Chi dice che bisognava far cadere il Governo non racconta tutta la verità perché questo Governo non sarebbe caduto, comunque i numeri ci sarebbero stati. In politica la cosa che conta di più dinanzi ad una legge che andava modificata è il risultato che alla fine si ottiene. Lo stralcio che c'è stato, la non equiparazione al matrimonio è il risultato. La cosa che ci interessava di più era il non arrivare al simil-matrimonio e questa legge non è un simil-matrimonio. Una questione fondamentale non solo per i cattolici, ma per tutti gli italiani di buonsenso. La questione delle adozioni è una mediazione molto importante e il voto sta esattamente in funzione di tale mediazione dopo mesi di lavoro. Questa è la politica".

"Questo Governo intende il Parlamento come uno zerbino", ha tuonato Bonafede del Movimento 5 Stelle. Come risponde?
"Non credo che un Parlamento che fa riforme e leggi importanti possa essere considerato così. Zerbino è chi non serve a niente, invece se le leggi che vengono fatte sono fatte per i cittadini e per il popolo, per un passo anche nelle mediazioni, per affermare qualcosa questo Parlamento è tutt'altra cosa che uno zerbino...".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]