Che succede all’Italia se la Grecia va in default...

10 marzo 2015, intelligo

Di Gianfranco Librandi

Che succede all’Italia se la Grecia va in default...
Arrivati all’"accordo ponte" che solo per il momento cristallizza la situazione fra Europa e Grecia, quest’ultima riceverà nuovi prestiti per altri quattro mesi, e in cambio il governo ellenico s’impegna a varare provvedimenti per calibrare gli squilibri finanziari. In sintesi: la Grecia è messa sull’orlo del precipizio (invero anche per colpe ataviche loro) nelle condizioni di prepararsi ad affrontare l’uscita dall’Euro per “loro scelta”, EuroPilato se ne lava le mani.

Già si disegna una sconfitta, quella di Tsipras, il quale per raggiungere l’accordo ha dovuto “suicidare” tre quarti di campagna elettorale. Il compromesso raggiunto è quello di evitare in apparenza e nell’immediato il default della Grecia, diciamo che un po’ tutti devono avere i tempi tecnici (quattro mesi appunto) per prepararsi al “colpo di frusta”.

L’Europa è esposta con la Grecia per 195 miliardi di euro (il 60% del debito pubblico ellenico), di questi 195 miliardi, 60 miliardi sono sulle spalle della Germania, la Francia è vincolata con 46 miliardi e l’Italia con 42 miliardi di euro.

Stanti così le cose, l’Italia rischia di buttare al vento 42 utilissimi miliardi di euro, tuttavia non è una vera e propria “perdita” perché è utile ricordare che questi soldi non sono stati finanziati dal settore privato (banche) ma sono stati impegnati dal Fondo salva Stati. E’ sempre una perdita ma non perniciosa perché non mette in pericolo i bilanci delle banche e quindi il sistema.

Rimane da trovare rassicurazioni o conferme sul reale rischio di fuoriuscita della Grecia dall’euro; scongiurato dunque il rischio contagio, Standard & Poor’s assegna alla possibilità di bancarotta della Grecia una percentuale intorno al 28%. E’ utile ricordare che Standard & Poor’s è famosa per avere assegnato a Lehman Brothers una probabilità di default dello 0,1%, e poi sappiamo tutti com’è andata a finire.

Sempre Standard & Poor’s assegna agli altri Paesi cosiddetti PIIGS un rischio bancarotta che non arriva al 3%. Nessun contagio dunque, questo è sicuro (?). Però occorre ricordare anche che nel 2008 il presidente in carica alla FED (Bernanke) all’epoca dichiarava che non c’era nessun rischio recessione.

In conclusione la domanda rimane la medesima, che succede all’Italia se la Grecia va in default?



autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]