Guerra totale al virus Zika, negli Usa via al test vaccino su uomo

10 novembre 2016 ore 15:45, intelligo
di Stefano Ursi

Negli Usa è in rampa di lancio la sperimentazione sul vaccino anti virus Zika sull'uomo. L'annuncio, peraltro atteso da qualche tempo, è stato dato direttamente il National Institute of Health, che ha spiegato come il coordinamento del progetto verrà effettuato assieme al Dipartimento della Difesa. L'obiettivo, infatti, è quello di testare e rendere chiara la effettiva e completa sicurezza del trattamento. Il meccanismo dei test prevede l'utilizzo di un virus disattivato e dunque incapace di potersi replicare e di conseguenza di poter infettare l'essere umano; la sperimentazione verrà effettuata su 75 persone di età compresa fra i 18 e i 49 anni. Il test sarà strutturato secondo tre gruppi: il primo riceverà, con un intervallo di 28 giorni, due dosi di vaccino e un placebo. Il secondo e il terzo vedranno la somministrazione del vaccino Zika e di quello contro encefalite giapponese e febbre gialla. Ma oltre il vaccino sono in corso nuove sperimentazioni legate alla lotta contro il virus Zika e tutti capaci di infondere grande speranza per la cura della malattia. Un anticorpo potrebbe infatti bloccare il virus Zika nei feti e negli adulti.

Guerra totale al virus Zika, negli Usa via al test vaccino su uomo
Lo si evince da una sperimentazione effettuata dai ricercatori del Vanderbilt University Medical Center e della Washington University School of Medicine di St. Louis. L'esperimento sui topi, i cui risultati sono pubblicati sulla rivista Nature, lascia aperto un grande spiraglio. L'anticorpo, chiamato ZIKV-117, ha protetto anche il feto nei topi in gravidanza infettati con il virus, spiegano i ricercatori. Così il ricercatore James Crowe: "Questi naturali anticorpi rappresentano il primo intervento medico che previene l'infezione da Zika e danni al feto – dice – siamo entusiasti perché i dati suggeriscono che possiamo sviluppare trattamenti di anticorpi per l'uso su donne in gravidanza". In questo studio, spiega la nota dell'ateneo, i ricercatori hanno isolato gli anticorpi dal sangue di persone che erano state in precedenza infettate con il virus Zika in diverse parti del mondo.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]