Isis, fatwa per sterminare i gatti: ultimo delirio o bufala?

10 ottobre 2016 ore 23:58, Americo Mascarucci
L'ultima follia dell'Isis colpisce i gatti. 
Il Califfato ha lanciato una legge che vieta a tutti gli abitanti di Mosul in Iraq, di possedere dei gatti. Quelli già posseduti sono stati requisiti e non si sa che fine abbiano fatto, riferisce il quotidiano online Express
I gatti, secondo il decreto dell’Isis, andrebbero "contro la visione, l’ideologia e le credenze"dei jihadisti, nonostante nella religione islamica proprio il gatto sia invece considerato portatore di purezza (anche Maometto si prese cura di una gatta, Muezza, e all’ora della preghiera, pur di non svegliarla, visto che si era addormentata accanto a lui, preferì tagliarsi un pezzo della veste).
Daesh avrebbe avvertito tutti gli abitanti della città di "non opporsi" alla direttiva impartita dagli uomini di Abu Bakr al Baghdadi. 
Va detto però che la fonte che ha diffuso la notizia non sarebbe molto credibile visto che si tratterebbe di un sito che già in passato avrebbe divulgato bufale.

Isis, fatwa per sterminare i gatti: ultimo delirio o bufala?
Anche perché c'è chi fa notare che in molte immagini pubblicate su Twitter si vedono militanti dell'Isis con gatti in braccio. 
In realtà il divieto riguardferebbe soltanto il divieto di tenerli in casa e non vi sarebbe nessuna volontà di sterminare i felini. 
C'è chi sostiene che la fatwa potrebbe essere stata determinata da alcune fote che sono apparse sui social di gatti che si sono aggirati intorno ai cadaveri di militanti dell'Isis uccisi nei raid aerei. Fatto questo che avredde infastidito il califfo che avrebbe visto in questo un esempio di impurità
Ma come detto si tratta di una notizia da prendere con le pinze. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]