Il Mef taglia gli esodati: niente salvaguardia per 50mila pensionati

10 settembre 2015, Luca Lippi
Il Mef taglia gli esodati: niente salvaguardia per 50mila pensionati
E’ fatta! Gli esodati sono tagliati fuori da ogni condivisibile possibilità di vedersi risolvere la loro spiacevole condizione e per non lasciarli soli ieri il Mef gli ha affiancato anche la categoria delle lavoratrici (migliaia) che speravano nell’ "opzione donna". Tutto quanto nel nome del “il lavoro svolta” (uno dei titoli delle famose slide di Matteo Renzi).

Ottimo, la svolta è che rimangono fuori da ogni salvaguardia 50 mila esodati e diverse migliaia di lavoratrici perché non ci sono le coperture per operare la minima agevolazione alla loro condizione.

Ci aspettiamo un intervento, una reazione, da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (Welfare) sperando che i tempi di attesa non siano quelli registrati fino ad ora.

Per quanto riguarda gli esodati, in ballo c’è la cosiddetta ‘settima salvaguardia’, da finanziare con le risorse non impiegate per le precedenti operazioni di tutela: si tratta di circa 500 milioni di euro. Per il Mef, però, proprio quelle risorse sono tornate nelle casse dello Stato e non potranno essere più usate per lo scopo indicato. 

Dunque, viene meno la copertura e la platea dei destinatari del nuovo provvedimento rischia di restringersi fino a zero o quasi. "Noi e ministero del Lavoro non concordiamo con l’interpretazione restrittiva del Mef", spiega Damiano. Fanno eco a stretto giro dalla Cgil: "È intollerabile la posizione del Mef". Negata anche la possibilità riconosciuta alle donne fino alla fine del 2014 - e sospesa per l’anno in corso – di andare in pensione a 57-58 anni e tre mesi di età (a seconda che si tratti di dipendenti o autonome) e 35 di contributi, accettando però il calcolo contributivo dell’assegno e, dunque, un taglio che può arrivare anche al 30%, servono 2 miliardi per farlo e “non c’è un euro disponibile”.

Inevitabile, a questo punto, una mobilitazione sindacale.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]