Perù, il peso di una dinastia: Keiko Fujimori va al ballottaggio con Kuczynski

11 aprile 2016 ore 21:51, Adriano Scianca
In Perù continua la dinastia dei Fujimori?  Al primo turno delle elezioni presidenziali, infatti, si è piazzata al primo posto Keiko Fujimori, figlia dell’ex presidente Alberto Fujimori, che ora è in carcere per una condanna a 25 anni per violazioni dei diritti umani (mentre altri tre fratelli dell'ex Presidente sono ricercati dalla magistratura peruviana per arricchimento illecito). La rampolla ha conquistato il 39,2 per cento delle preferenze. Al secondo turno, previsto per il 5 giugno, dovrà vedersela con Pedro Kuczynski, ex economista della Banca Mondiale di 77 anni, candidato favorito dei mercati finanziari, che ha raccolto il 24,3 per cento dei voti. 

Perù, il peso di una dinastia: Keiko Fujimori va al ballottaggio con Kuczynski
Fuori dai giochi l'unica candidata della sinistra, Veronika Mendoza, che i sondaggi davano vicinissima a Kuczynski. Modesto il risultato di Alan Garcia, presidente per due volte in passato: poco più del 5 per cento. Gli elettori, quindi, hanno premiato il ricordo della stabilità e prosperità dell'ex presidente, fidandosi delle promesse della figlia sul fatto che non ripeterà gli stessi errori. Molti temono, tuttavia, che una volta giunta al potere la donna possa tentare di riabilitare il padre - magari concedendogli la grazia come già promesso in campagna elettorale nel 2011 - e permettere al clan familiare oggi latitante di rimettere piede in Perù e riconquistare la propria influenza politica. 

“Il voto delle classi popolari potrebbe portare Fujimori alla vittoria – ha detto al quotidiano colombiano Semana Eduardo Dargent, direttore del master di Scienze politiche della Pontificia università Cattolica del Perù – soprattutto per chi decide all’ultimo e non è sicuro di quale candidato votare, che sono circa il 10 per cento dell’elettorato”. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]