Sanità, il futuro è dei robot: al Bambino Gesu la riabilitazione diventa gioco

11 febbraio 2016 ore 7:46, Andrea Barcariol
Due robot sbarcano all'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Santa Marinella, in provincia di Roma. Si chiamano 'Arm e hand' e 'Wrist' e avranno un compito specifico: aiutare i bambini a fare riabilitazione. "È un approccio ludico - ha sottolineato Enrico Castelli, responsabile del laboratorio di riabilitazione - il bambino non si accorge di farlo, in una seduta fanno più di mille movimenti".
Addio dunque alle noiose sedute di riabilitazione, i robot supporterranno e correggeranno i movimenti delle braccia dei giovani pazienti che hanno un danno neurologico, acquisito o congenito del sistema nervoso e muscolo scheletrico e saranno utilizzati da almeno 6 pazienti al giorno per sedute da un'ora (ogni trattamento prevede personale appositamente preparato che adatterà i robot alle esigenze specifiche del bambino). Si stima che saranno circa 100 i bambini che in un anno potranno trarre vantaggio dai nuovi robot.

Sanità, il futuro è dei robot: al Bambino Gesu la riabilitazione diventa gioco
'Arm e Hand' e 'Wrist' sono stati acquistati grazie al contributo della fondazione Roma, il Bambino è la prima struttura nel Lazio ad avere a disposizione questo tipo di macchinari: ''Il recupero funzionale avviene grazie a due robot di ultima generazione - ha spiegato il presidente Emmanuele Francesco Maria Emanuele - a dimostrazione di come la ricerca scientifica applicata rappresenti oggi lo strumento principale del progresso. Dopo il progetto Lokomat, che ha consentito a bambini con disabilità motorie di tornare a camminare, questa volta ci siamo focalizzati sui deficit degli arti superiori, che limitano gravemente l’autonomia personale e la partecipazione scolastica e sociale dei piccoli pazienti".
In Italia sono 200mila i bambini con deficit delle funzioni motorie, 20mila solo nel Lazio. A causarli sono problemi congeniti, come la paralisi cerebrale, o traumi. "Ringraziamo la Fondazione Roma e sono certa che insieme alla nostra nuova Fondazione Bambino Gesù i nostri medici faranno grandi cose. - ha sottolineato la Presidente del
Sanità, il futuro è dei robot: al Bambino Gesu la riabilitazione diventa gioco
Bambino Gesù Mariella Enoc - Il compito principale dell’ospedale è quello di risolvere ogni grave complessità che interessi i pazienti e le loro famiglie. Grazie a questa doppia donazione, anche nell’ambito della riabilitazione motoria continueremo a fornire risposte sempre più all'altezza".
Nello specifico 'Arm e Hand' consente l'alloggiamento dell'avambraccio e della mano e interagisce con i tentativi di movimento dei pazienti, guidandoli con 'gentilezza' mentre 'Wrist' interagisce con i movimenti del polso e si integra funzionalmente con il modulo 'Hand'. Dopo il robot che aiuta a combattere l'obesità e quello che si trasforma in chirurgo per togliere i tumori, una nuova applicazione della robotica applicata alla medicina.








caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]