San Valentino, e che capperi! Menù afrodisiaco anche coi carciofi

11 febbraio 2016 ore 14:39, Marta Moriconi
C'erano una volta i classici ostriche e champagne. Ma non accendono più la passione quanto gli insospettabili carciofi e olive. E così San Valentino si tinge di verdura e il perfetto menù per far scoppiare la passione ve lo dicono gli scienziati. 
Per 7 esperti su 10 a una serata con "le bollicine" non servono che ortaggi (68%), pesce (63%) e frutta (59%) ed è proprio una cena a lume di candela a base di prodotti della dieta mediterranea a far impazzire il vostro partner. 
Meglio poi una cena romantica preparata a casa che un regalo (56%) o una lettera romantica (53%), i peggiori sono i cioccolatini (48%) o un mazzo di fiori (44%). E' parola di chef, nutrizionisti e sessuologi che offrono la propria competenza per qualche suggerimento da Cupidi di San Valentino. 
A studiare i prodotti un team di 130 esperti nutrizionisti, chef stellati e sessuologi per il Polli Cooking Lab, l'Osservatorio sulle tendenze alimentari dell’omonima azienda toscana, con metodologia Woa (Web Opinion Analysis), attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community.

San Valentino, e che capperi! Menù afrodisiaco anche coi carciofi
E che cappero! Anche lui ha proprietà afrodisiache come biblicamente testimoniato. Ma non dimenticate gli asparagi che aiutavano Napoleone III non certo nella diuresi, o i cetrioli che piacciono tanto ai tedeschi mentre in Italia nel tempo hanno assunto un ruolo centrale più nei doppi sensi che altro. 
Ma i veri ortaggi di successo a letto sono i carciofi (54%).
E' lui il vincitore a letto con le sue proprietà organolettiche (79%), grazie a profumi (43%) elettrici, e  colori (39%) e morbidezza al tatto (33%) "succulenti". 
Per Roberto Conti, Executive Chef dello stellato Ristorante Trussardi alla Scala di Milano "la dieta mediterranea è la massima espressione della passione per il benessere, una dichiarazione d’amore per il palato, la celebrazione dell’equilibrio tra salute e gusto. In questa direzione i prodotti che la definiscono sono ottimali per creare piatti capaci di coinvolgere tutti i sensi in un’esperienza che non parla solo al palato, ma anche alla vista e all’olfatto. La mia proposta per scatenare la passione prevede come antipasto gambero rosso crudo, rose, zenzero e mandorle, a seguire un risotto al lime, capperi e scampo e, come secondo, un trancio di Fassona piemontese con carciofi violetti all’agro". Ma attenti, sempre su Adnkronos Luca Piretta, nutrizionista e gastroenterologo, specialista in Scienza della nutrizione umana all'Università Sapienza di Roma dà anche qualche suggerimento in più. 
No a fritture (79%), gli insaccati (66%), le bevande alcoliche (62%), e i formaggi stagionati (57%) perché "gli alimenti afrodisiaci svolgono il loro ruolo mediante il rilascio di ossido nitrico, che agisce consentendo la vasodilatazione che favorisce l’erezione maschile e gli analoghi meccanismi nelle donne. La presenza dell’arginina, aminoacido che favorisce la liberazione dell’ossido nitrico, è un’altra condizione che può conferire ad un alimento l’effetto afrodisiaco".
E parla chiaro e tondo di effetti inibitori importanti senza evitare gli "eccessi nell’assunzione di vino e sostanze alcoliche che, nonostante l’iniziale azione disinibitoria, con il passare del tempo fanno prevalere l’effetto inibitorio e induttivo della sonnolenza e in alcuni casi della cefalea". Occhio anche all'eccesso calorico: dà sonnolenza e appesantimento. 
Dice la sua anche Alberto Caputo, sessuologo dell’Istituto di Evoluzione Sessuale di Milano, che invece si concentra sul modo di cucinare i piatti. "La cucina non è afrodisiaca - dice - finché non si vuole che lo diventi. Ogni occasione infatti richiede il suo menù, con la continua ricerca di ingredienti sempre nuovi che stimolino i sensi del proprio partner". 
Importante è inoltre decidere la location: mangiare seduti sul tappeto o addirittura a letto è intrigante, purché si mangi poco. Se no vi addormentate!

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]