I film di Zalone da incassi record, ma Checco quanto guadagna?

11 gennaio 2016 ore 15:46, Andrea De Angelis
Decine di milioni di euro incassati, complimenti da ogni parte compreso il tweet del ministro Franceschini, paragoni importanti, attestati di stima e nuove proposte. Signori, avrete già capito di chi stiamo parlando: Checco Zalone, al secolo Luca Medici. 

Il suo ultimo film, "Quo vado?", continua a fare incassi record e si appresta a superare i precedenti lavori dell'attore pugliese, ma soprattutto punta dritto ad Avatar, così da entrare di diritto (ma già lo è) nella storia del box office italiano. Insomma, un successo sì previsto, ma i cui numeri stanno andando al di là di ogni più roseo pronostico. Lo sanno tutti, gli addetti ai lavori come lo stesso Zalone. Gli incassi, poi, sono da capogiro e non è certo la prima volta. Del resto lo stesso protagonista giustificò così la scelta di girare al Polo Nord, tra il serio e il faceto, riferendosi a denaro da investire dopo quanto raccolto con "Sole a catinelle" al botteghino due anni fa. 
I film di Zalone da incassi record, ma Checco quanto guadagna?
Ma nel precedente film, "Che bella giornata", Striscia la Notizia consegnò un tapiro d'oro a Zalone per il suo contratto che, di fatto, non era legato ai guadagni, ma solo alla prestazione. Striscia la Notizia consegnò il Tapiro d'oro all'attore comico Checco Zalone, "attapirato" perché il contratto firmato per il suo film 'Che bella giornata' era decisamente sproporzionato rispetto al record d'incassi registrato dalla pellicola. Al botteghino Checco Zalone incassò quasi 50 milioni di euro. Striscia si domanda quanti euro sono rimasti nelle sue tasche? Ai microfoni dell'inviato Valerio Staffelli, Zalone spiegò: "Non ho un contratto indicizzato ai guadagni del film, non sono previste provvigioni. Un successo del genere non era prevedibile. Va bene così, i soldi non sono tutto nella vita, l'importante sono le soddisfazioni". Zalone concluse così in maniera molto divertente: "Però potevate scrivere il mio nome sopra il Tapiro... 'a Checco Zalone senza provvigione'!".

Eravamo, appunto, nel 2011. Allora il gossip parlò anche di un corteggiamento nei confronti di Zalone per soffiarlo a Pietro Valsecchi, ma l'idillio tra i due venne salvato da un nuovo contratto che mise d'accordo le parti. Dunque niente più tapiri per Zalone che comunque su un totale di quattro film si può dire abbia costruito il suo enorme successo da tutti, ma il suo guadagno meramente economico in gran parte dagli ultimi due. 
Il fatto che oggi Luca Medici possa essere soddisfatto "in tutti i sensi" lo si evince anche da un'intervista a Valsecchi, pubblicata su badtaste.it, di qualche settimana fa nella quale parla dei costi dei film e, tra le voci, elenca anche quella del suo protagonista: "Dieci milioni. Sono andati più che altro in location e animali. E Checco Zalone. Ma si vedono tutti eh. Questo film poteva anche costare 15 milioni, siamo stati bravi a farlo costare meno".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]