Banche, commissione inchiesta: chi l'ha chiesta? Renzi non M5S

11 gennaio 2017 ore 9:59, Luca Lippi
A fine mese parte l’iter per istituire la commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario italiano. Il Pd rompe gli indugi e si unisce alla richiesta di istituire un organismo che accerti eventuali responsabilità sulle crisi del sistema. Con un colpo di reni la maggioranza Pd cambia in corsa la mozione e si appunta al petto la medaglia per aver chiesto una commissione d’inchiesta.
Il fatto
Il M5S in Senato aveva chiesto l’istituzione di un organismo per indagare su ragioni e protagonisti della crisi che nel frattempo si erano succedute negli anni. I democratici alla Camera hanno modificato la mozione a prima firma del capogruppo Ettore Rosato, chiedendo tra le altre cose di individuare le responsabilità degli amministratori, degli enti di controllo e di vigilanza.
Il testo iniziale della mozione accoglieva soltanto la proposta avanzata dal presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, di rendere noti i nomi dei principali debitori insolventi delle banche salvate con i fondi pubblici. A tagliare la testa al toro è stato l’intervento di Matteo Renzi. Il segretario del Pd ha ricordato che a novembre del 2015, quando era ancora a Palazzo Chigi, fu lui stesso a chiedere l’istituzione di una commisisone d’inchiesta, dopo i salvataggi di Banca Etruria , Banca Marche, CariChieti e Carife. Pertanto, ora che la messa in sicurezza del Monte dei Paschi  ha riportato il tema sul tavolo, logica voleva di non farsi scavalcare.

Banche, commissione inchiesta: chi l'ha chiesta? Renzi non M5S

Mauro Maria Marino, presidente della VI Commissione (Finanze e Tesoro) del Senato, ha anninciato che si partirà il prossimo 31 gennaio, con l’obiettivo di avere per fine mese un “testo unico” di sintesi delle 13 proposte presentate finora, che non riguardano soltanto Mps.
Parallelamente oggi è iniziato l'iter del decreto-salva risparmio, nel quale potrebbero entrare le norme per la black list suggerita da Patuelli. Marino ha precisato che "Ci sarà l'audizione dell'Abi: quella sarà la sede deputata. Se si presenteranno con un testo avremo qualcosa da cui partire". Giovedì intanto sarà ascoltato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan.
A cosa servirà la Commissione
-Verificare l'efficacia del sistema bancario e finanziario
-Verificare l'adeguatezza della disciplina legislativa e regolamentare sul sistema di vigilanza, anche ai fini della prevenzione e della gestione delle crisi bancarie.
Cosa si chiede al Governo
La mozione di maggioranza alla Camera impegna il Governo a:
-Assumere iniziative per garantire la massima tutela dei risparmiatori
-Rafforzare, con il coinvolgimento delle autorità nazionali di vigilanza, la prevenzione e il contrasto delle condotte scorrette da parte degli amministratori degli istituti bancari nazionali
-Promuovere nelle sedi europee le opportune modifiche al regime del bail in.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...