32 associazioni chiedono a Renzi il Freedom of Information Act

11 luglio 2014 ore 15:30, intelligo
32 associazioni chiedono a Renzi il Freedom of Information Act
"La prima cosa in assoluto che farei da premier è approvare un Freedom of Information Act" aveva detto Matteo Renzi nel novembre 2013.
Un impegno ribadito anche al momento del suo discorso di insediamento a Palazzo Chigi. La promessa non è stata rispettata. E adesso 32 associazioni della società civile italiana gliene chiedono conto e lo invitano ad agire. Ieri a “Digital Venice” hanno presentato un progetto chiamato #FOIA4ITALY sulla trasparenza della pubblica amministrazione italiana. Esperti e rappresentanti della società civile hanno provato a scrivere il FOIA italiano: in 30 giorni, oltre 50 persone si sono confrontate telematicamente per arrivare a scrivere: un manifesto, per far comprendere a tutti (anche ai non addetti ai lavori) l’importanza di un #FOIA4ITALY e una proposta di legge in crowdsourcing. Il tutto ora è on-line su Foia4Italy. Nel nostro Paese le informazioni detenute dalla PA non sono conoscibili da tutti i cittadini: ciascuno può avere accesso soltanto ai documenti per i quali nutra un interesse “diretto, concreto e attuale”. Nel mondo sono 90 i Paesi ad aver adottato un Freedom of Information Act, una misura che consente trasparenza, rende più difficile la corruzione e permette ai cittadini di verificare nel dettaglio come vengono spesi i loro soldi.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]