Dimissioni del sindaco di Cortina via posta certificata: arriva il commissario

11 luglio 2016 ore 16:48, Americo Mascarucci
Il sindaco di Cortina d’Ampezzo Andrea Franceschi si è dimesso e il Comune sarà ora amministrato da un commissario straordinario fino alle prossime elezioni.
Il primo cittadino era finito agli arresti domiciliari nel 2013 con l'accusa di turbativa d’asta cui erano seguiti 505 giorni di “esilio” disposti dal giudice con l’obbligo di non poter risiedere nella città. 
Franceschi ha firmato le sue dimissioni inviate per posta elettronica certificata alla Prefettura, e poi, a seguire, su un secondo documento, hanno firmato tutti i componenti del suo gruppo: il vice sindaco Enrico Pompanin, gli assessori Stefano Verocai, Giovanna Martinolli e Marco Ghedina ed i consiglieri Nicola Bellodis, Stefano Dandrea e Marco De Villa. 
Le dimissioni di Franceschi erano state annunciate il 16 giugno. 
"Non sono più nelle condizioni di poter dedicare all'Amministrazione tutto il tempo e le energie che Cortina merita" aveva spiegato Franceschi, "e, per onestà verso tutti, non ritengo giusto continuare sapendo di non poter più dare al Comune il 100% di me stesso". 

Dimissioni del sindaco di Cortina via posta certificata: arriva il commissario
Tuttavia domani l’ormai ex sindaco, che è ancora in attesa che si concluda il processo a suo carico, terrà una conferenza stampa. 
"In eredità - ha concluso - lascio il successo per l’ottenimento dei mondiali di sci alpino del 2021". 
Il prefetto di Belluno, Francesco Esposito, ha provveduto a nominare Carlo De Rogatis, vice prefetto vicario. quale commissario per la provvisoria gestione del Comune. 
De Rogatis, nato a Napoli il 1° Marzo 1959, laureato in giurisprudenza e abilitato all'esercizio della professione forense. ha già ricoperto più volte l’incarico in altri Comuni (tra cui Loreggia, Sant’Angelo di Piove di Sacco, Limena e Longarone).

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]