Di Stefano (Cpi): "Prima o poi Salvini alla Garbatella. CasaPound è a Bolzano"

11 maggio 2015, Marco Guerra
Di Stefano (Cpi): 'Prima o poi Salvini alla Garbatella. CasaPound è a Bolzano'
E' la Questura a dirlo: "Troppo pericoloso, glielo abbiamo sconsigliato". Per Matteo Salvini la visita alla Garbatella è out, ma salirà sul palco al Brancaccio con Sovranità, soggetto politico che è emanazione di CasaPound Italia. Con Simone Di Stefano, il vice presidente, abbiamo parlato di questo ma anche della sorprendente vittoria di Cpi a Bolzano...

Di Stefano oggi al Brancaccio con Salvini per…..

“Per parlare di futuro e mettere le basi per una seria alternativa a Renzi. Dopo il 31 maggio (data delle elezioni regionali ndr) le cose cambieranno perché il consenso di Salvini travalica il tradizionale bacino elettorale della Lega Nord”. 

Quindi l’asse portante dell’intesa tra Sovranità e la Lega si basa quindi sulla leadership di Salvini?

“Certamente e vogliamo fare in modo che ci sia una convergenza di forze più ampia possibile intorno a questo asse, a patto che sia riconosciuta la centralità della leadership di Salvini”. 

Intanto però alla Garbatella  Salvini non lo vogliono farlo entrare, CasaPound sarebbe disposta a scortarlo nel quartiere rosso della Capitale? 

“Non scherziamo, Salvini non ha bisogno di nessuna scorta, è paradossale che chi si riempie la bocca con la parola democrazia voglia  impedire ad un libero cittadino italiano di accedere ad una zona della città. È poi deprecabile l’atteggiamento del Pd che,  anziché difendere le libertà individuali di Salvini, continua a coccolare gli “sfascia vetrine” dei centri sociali da cui partono queste minacce. Comunque se ne facessero una ragione, Salvini prima o poi andrà anche alla Garbatella, per la felicità di molti cittadini del quartiere che se ne infischiano dei centri sociali. Stiamo parlando infatti di una zona di Roma che non è così rossa come viene dipinta dalla stampa, e lo posso confermare in prima persona visto che ci sono nato e vissuto per diverso tempo. Ho iniziato la mia attività politica all’allora sezione del Movimento sociale italiano e ricordo che alle elezioni comunali del ’93 il l’Msi superò il 30% dei voti anche alla Garbatella. Un patrimonio di consenso che è stato disperso dall’esperienza di Alleanza nazionale e che ora dobbiamo recuperare”.

Nel frattempo la Lega a Trento è il secondo partito e supera Forza Italia. Si riparte da qui? 

“Io trovo più sorprendente il risultato di Bolzano, dove il candidato sindaco di CasaPound ha raccolto il 6,8 percento dei voti, conquistando un seggio in consiglio comunale. Un successo che se fosse stato sommato all’11% ottenuto della Lega avrebbe portato la coalizione al ballottaggio al posto di Forza Italia, ma purtroppo ci siamo presentati divisi. Ad ogni modo stiamo parlando di un’ottima base da cui ripartire”. 

autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]