Generazione Famiglia respinge le accuse di sessismo per il tweet alla Boschi: il comunicato

11 maggio 2016 ore 15:55, Andrea De Angelis
Accusati di sessismo. Attaccati, in modo spietato. Ma anche vittime di una stampa che li ha quasi ignorati fino a quel momento e si nutre di (quasi) solo sensazionalismo. Generazione Famiglia, meglio nota forse come La Manif, con la condivisione di una foto ha voluto dire la sua sulla legge delle unioni civili che a ore sarà approvata alla Camera. Nastrini arcobaleno, sorrisi, foto ricordo. Non tutti però esultano. Non tutti la pensano così

Per questo, con un'immagine sì provocatoria, ma non sessista si sono inseriti nel dibattito. Apriti cielo. A respingere le accuse di sessismo è ora Filippo Savarese, portavoce di Generazione Famiglia e tra gli organizzatori del Family Day. "Ma quale sessismo, la critica è politica e riferita all'arroganza con cui la Boschi martedì ha interrotto i lavori dell'Aula per porre la fiducia e poi andarsene immediatamente, suscitando un'enorme bagarre in Aula", ha spiegato. Poi aggiunge: "Una vera faccia tosta! Se il Ministro per i Rapporti col Parlamento fosse stato uomo l'ironia sottesa avrebbe avuto esattamente lo stesso senso. D'altro canto si tratta del membro di un Governo che con la fiducia sulle unioni civili ha esso stesso preso letteralmente per i fondelli milioni di italiani". Quindi conclude: "Non merita certo il nostro bon ton".

Generazione Famiglia respinge le accuse di sessismo per il tweet alla Boschi: il comunicato
Sarebbe accaduto lo stesso se l'immagine fosse stata usata nei confronti di un uomo?
Da ieri Boschi ha anche la delega alle pari opportunità, particolare sfuggito a molti. L'invito di Savarese e del suo movimento è di non prenderla sul sessismo. Non ora. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]