Quirinale: D'Alema e Prodi si tirano il Colle

11 marzo 2013 ore 12:54, Francesca Siciliano
Quirinale: D'Alema e Prodi si tirano il Colle
D'Alema e Prodi, sempre loro, nomi da prima Repubblica, sempre buoni anche per la Terza o la Quarta. I due ex presidenti del Consiglio in lizza per il Colle. Gli unici due che, in questi ultimi 20 anni di berlusconismo, il centrosinistra è riuscito a schierare alla guida di qualche governo. Una eterna sfida, una guerra fredda nascosta e sotterranea, da combattere dietro le quinte di partito, nei meandri più oscuri di Palazzo. Nei giochi in atto (Parlamento, governo), dunque, si incrociano guerre e strategie, azioni compromettenti più alte (il Quirinale dopo Napolitano). Un grande puzzle con effetto-domino. Il Professore - di area cattocomunista - e l' ex segretario dei Giovani Comunisti, del resto, son rivali da sempre. E la “bagarre” tra i due potrebbe entrare nel vivo proprio nel corso di questa settimana, subito dopo la presentazione delle Camere e la nascita di un governo. Si giocherà tutto in pochi giorni, andrà fatto tutto e subito. Per il bene del paese, si dirà. Prodi sarebbe il più gradito alla platea grillina, che in diverse occasioni ha già dato il “velato” placet a un settennato targato Bologna. D'Alema, per formazione e recenti posizioni assunte (al Corriere), è più adatto per favorire scenari da grande coalizione, accordi con il Pdl e governissimi in grado di traghettare il paese, giusto il tempo strettamente indispensabile, al fine di evitare default economico e instabilità governativa.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]