Pillola dei "5 giorni dopo": la novità

11 marzo 2015, Orietta Giorgio
Pillola dei '5 giorni dopo': la novità
La pillola dei 5 giorni dopo? Il Consiglio superiore della Sanità esprime il proprio parere in merito su richiesta del ministro Lorenzin. La risposta? La prescrizione del farmaco deve essere obbligatoria
“La decisione è che "il farmaco EllaOne debba essere venduto in regime di prescrizione medica indipendentemente dall'età della richiedente". Questo per evitare i gravi effetti collaterali nel caso di assunzioni ripetute in assenza di controllo medico. L’Agenzia europea dei farmaci (Ema), lo scorso novembre, invece, si era espressa a favore della vendita del farmaco in farmacia senza obbligo di ricetta.


Laura Garavini (Pd) critica: “Il Consiglio Superiore di Sanità ha espresso il  parere che temevano. A due giorni dall'8 marzo, per le donne italiane è in arrivo un pessimo regalo, cioè potranno usare la pillola 'dei 5 giorni dopo' solo con la ricetta medica, al contrario di quanto accade in tutta Europa dove si può acquistare liberamente perché non si tratta di un farmaco abortivo ma di un contraccettivo di emergenza (agisce ritardando l'ovulazione). Solo pochi giorni fa il parlamento tedesco ha approvato una legge, nata da un'iniziativa legislativa del governo, che permette la vendita di EllaOne senza prescrizione medica. Ci auguriamo perciò che il ministro Lorenzin decida guardando all'Europa e con l'obiettivo di dare più diritti e libertà alle donne italiane". 


Ora l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), dovrà pronunciarsi dopo il parere del Css. Luca Pani, il direttore generale dell’Aifa, afferma che il “responso” arriverà entro marzo. Se la decisione in merito sarà divergente da quella indicata dall'Ema, l'Aifa dovrà giustificare la decisione presentando le motivazioni in sede europea.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]