Holmstroem e Hart: chi sono i Nobel per l’Economia 2016

11 ottobre 2016 ore 9:38, Luca Lippi
L’ Accademia reale svedese delle scienze ha annunciato che il premio nobel per l’economia è stato assegnato al britannico Oliver Hart e al finlandese Bengt Holmstroem con la seguente motivazione: “Le economie moderne sono tenute assieme da innumerevoli contratti. I nuovi strumenti teoretici creati da Hart e Holmstroem sono preziosi nel capire i contratti della vita reale e delle istituzioni, così come le potenziali ricadute di come vengono approntati”. 
Il premio assegnato è di 8 milioni di corone svedesi (circa 830mila euro), che verrà suddiviso in parti uguali tra i due vincitori.
Entrambi insegnano da molti anni negli Usa, Hart all'università di Harvard mentre Holmstroem al Mit.
Cosa riguarda lo studio sui contratti dei due professori?
Gli studi dei due accademici cercano di trovare risposte a domande sul se siano più appropriate retribuzioni fisse o paghe legate alle prestazioni, su diversi tipi di figure che spaziano dai manager agli insegnanti. I lavori di Hart e Holmstroem, spiega l’Academy, riguardano anche “la legislazione sulla bancarotta e le costituzioni politiche”. 
In particolare Bengt Holmstroem ha parlato proprio delle tematiche trattate nelle sue ricerche, e dopo essersi detto "molto contento, confuso e grato" per il premio aggiunge: "I bonus ai manager sono troppo complicati e sarebbe opportuno che non vengano versate tutte assieme in poco tempo, ma su un prolungato periodo di tempo".

Holmstroem e  Hart: chi sono i Nobel per l’Economia 2016

Chi è Bengt Holmstroem 
Il docente finlandese, nato a Helsinki nel 1949, ha dimostrato con precisione come il contratto dovrebbe legare la retribuzione del manager esecutivo alle informazioni rilevanti sulla prestazione, in modo da soppesare con esattezza il rapporto rischi-incentivi. 
Già alla fine degli anni '70, Holmstroem ha dimostrato come il proprietario o gli azionisti di una società dovrebbero progettare un contratto ottimale per il proprio ceo di cui si conosce solo in parte l'azione, ovvero attraverso i cosiddetti incentivi sotto informazione asimmetrica. 
In lavori successivi Holmstroem ha rivisto questi risultati generali basandosi su impostazioni più realistiche. Aggiungendo variabili come le retribuzioni dei dipendenti che non sono ricompensati solo con premi in denaro ma anche con promozioni, è stato osservato come gli obiettivi effettivamente raggiunti dai manager e il comportamento dei singoli membri di un team possano avvantaggiarsi del lavoro degli altri colleghi.

Chi è Oliver Hart  
Londinese con cittadinanza statunitense, classe 1948, la sua ricerca ha fornito nuovi strumenti teorici per lo studio di questioni riguardanti ‘quali tipi’ di aziende dovrebbero procedere a una fusione, qual è il giusto mix tra debito e finanziamento azionario e quando istituzioni come scuole o prigioni devono essere pubbliche o private.
A metà degli anni '80, Hart ha dato un contributo importante all'economia mondiale occupandosi dei casi di contratti incompleti. È infatti impossibile per un contratto coprire ogni eventuale fattispecie che si presenti nell'attività del manager o del lavoratore. La domanda a cui ha tentato di rispondere l'economista britannico è stata: in caso di una fattispecie non coperta contrattualmente, quale parte si deve far valere? Le sue scoperte sono state particolarmente utili per settori come le scienze politiche e la giurisprudenza. 

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]