Delitto di Seriate, sui guanti Dna estraneo: l'uomo incappucciato esisteInte

11 ottobre 2016 ore 13:55, Lucia Bigozzi
Ci sono novità sul delitto di Seriate. Nuovo sopralluogo dei carabinieri a casa del figlio dell’ex capostazione Antonio Tizzani sotto inchiesta per la morte della moglie uccisa nell’agosto scorso nella villetta dove la coppia viva. Il sopralluogo a casa di Paolo Tizzani è finalizzato a individuare elementi e dettagli necessari a risalire al probabile movente alla base del delitto della donna, un’ex insegnate di lettere. 

Delitto di Seriate, sui guanti Dna estraneo: l'uomo incappucciato esisteInte
L’abitazione del figlio della coppia dista qualche decina di metri da quella dei genitori: al termine della perquisizione i carabinieri sono usciti prelevando materiale di vario genere che ora sarà al vaglio degli inquirenti
che stanno conducendo le indagini sulla morte di Gianna Del Gaudio, uccisa con una taglio netto alla gola. C’è un altro particolare su cui gli inquirenti stanno concentrando l’attività di accertamento: alcuni giorni fa dalla villetta della coppia, sono stati prelevati alcuni prodotti di bellezza che Gianna Del Gaudio aveva acquistato durante un viaggio in Campania, ad Avellino. Ma dalla villetta i militari dell’Arma hanno portato via anche un tablet e due cellulari. Va poi ricordato che nella casa di Paolo Tizzani, secondo quanto riferito dagli investigatori, lo scorso 23 settembre era stato trovato un coltello a serramanico con una lama lunga circa dieci centimetri: a quella perquisizione aveva assistito anche il legale che assiste il figlio della coppia di Seriate, l’avvocato Giovanna Agnelli. Secondo la versione degli inquirenti, il coltello sarebbe potenzialmente compatibile con le lesioni riscontrate sul corpo della donna. 

Il coltello ora verrà esaminato dai carabinieri del Ris di Parma che approfondiranno gli elementi riscontrati sulla scena del delitto. Insomma, analisi scientifiche a supporto delle indagini dei magistrati che stanno cercando di ricostruire i rapporti all’interno della famiglia. Obiettivo: individuare un movente. Anche perché la versione del ladro incappucciato che è entrato nell’abitazione della coppia e a aggredito la donna colpendola a morte, non è ritenuta convincente dagli inquirenti. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]