Lotta alla trombosi senza pigrizia, come campare 100 anni con la prevenzione

12 aprile 2016 ore 8:38, Andrea Barcariol
"Chi impara presto, campa cent'anni". 
Questo lo slogan della Giornata nazionale per la lotta alla trombosi, organizzata in varie città italiane Milano, Bergamo, Genova, Bologna, Ferrara, Cassino, Bari, Palermo. 
L'appuntamento è per mercoledì 13 aprile. L'evento è promosso da ALT (Associazione per la lotta alla trombosi) ed è rivolto alla prevenzione delle malattie cardiovascolari collegate a questa patologia. 
Le malattie da trombosi, ictus, infarto, embolia colpiscono il doppio dei tumori ma in un caso su tre sarebbero evitabili con una maggiore attenzione agli stili di vita. In base alle statistiche, su 100 persone colpite, 3 hanno meno di 40 anni. In Italia, ogni anno, la trombosi colpisce 15mila bambini (da neonati ad adolescenti). E non solo: nel nostro Paese, sono 35 su 100 gli uomini che muoiono per malattie causate da trombosi. Complessivamente ogni anno in Europa muoiono più di 4 milioni di persone e altrettante sopravvivono con invalidità gravissime e devastanti per la qualità della vita.
E a fare più paura, su tutto, è l'ictus, che uccide ogni anno più di 1 milione di persone e occupa il secondo posto fra le cause di morte in Europa. Infatti, una donna su 7 e un uomo su 10, ogni anno, muoiono per colpa di un ictus cerebrale; in Italia sono 38mila uomini e 25mila donne l'anno. 

"La trombosi è molto diffusa, colpisce ogni anno 600mila persone: uomini, donne e perfino bambini e neonati, con malattie come Ictus, Infarto, Embolia. Ma, per quanto queste patologie colpiscano il doppio dei tumori, in un caso su 3 possono essere evitate. Tutti noi possiamo fare molto per prevenirle, con la conoscenza e con l’assunzione di responsabilità che ci permettono di comprendere la relazione fra stile di vita e probabilità di malattia, per proteggere il nostro cuore, il nostro cervello e il nostro corpo dalle malattie cardiovascolari da Trombosi. Con la collaborazione di tutti" - dichiara la dottoressa Lidia Rota Vender, presidente di ALT, Onlus che dal 1987 si batte perché tutti sappiano che cosa è la Trombosi, anche sostenendo la ricerca scientifica alla quale ha dedicato fino ad oggi oltre un milione di euro donati dai suoi sostenitori. 
Lotta alla trombosi senza pigrizia, come campare 100 anni con la prevenzione
La migliore prevenzione della trombosi è lo stile di vita: poco fumo, niente sovrappeso, molta attività fisica, controllo di pressione, colesterolo, trigliceridi, glicemia e diabete. Chi è già stato colpito o rischia di essere colpito utilizza i farmaci antitrombotici. 
Gli eventi organizzati in occasione della Giornata nazionale per la Lotta alla Trombosi a Milano, Bergamo, Genova, Bologna, Ferrara, Cassino, Bari, Palermo sono dedicati alla popolazione di ogni età. Ci saranno giochi e incontri anche con le scuole. A Milano, accanto ad ALT ci sarà il Centro Sportivo Italiano con le miniolimpiadi che coinvolgeranno 400 studenti delle scuole medie dagli 11 ai 14 anni provenienti da Milano, Chiavari, Vighizzolo di Cantù, Roggiano, Luino, Varese e Genova che si sfideranno su giochi a squadre, per conquistare la Coppa buonsenso di ALT. A Milano si svolgerà anche un'edizione speciale di trekking. A Bologna ci sarà un incontro con la popolazione dal titolo "Nutrire il corpo e l'anima: un pomeriggio tra salute e musica" accompagnato da un concerto alla Regia Accademia Filarmonica. Le varie iniziative in programma sono elencate sul sito www.giornatatrombosi.it.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]