Mowgli, eroe (finalmente) senza superpoteri: il libro della giungla con le voci di Magalli e Marcorè

12 aprile 2016 ore 9:59, Andrea De Angelis
Ci sono i supereroi, quelli che volano grazie a poteri incredibili, che poco o nulla hanno a che fare con l'umano. Di recente al cinema ne abbiamo visti due, celebri, sfidarsi (ottenendo incassi importanti al botteghino). Poi ci sono gli eroi umani, quelli che conquistano con il loro stile di vita, la sensibilità, il coraggio. Eroi diversi, ma forse ancor più affascinanti dei primi. Non sono i superpoteri a caratterizzarli, ma la loro profonda, per certi versi incredibile umanità.

Mowgli è sicuramente uno di questi. Un po' piccolo principe, un po' il selvaggio che è ognuno di noi, il piccolo protagonista di una delle storie più amate da intere generazioni di bambini (e non solo) torna al cinema. Non è la prima volta, anzi. Non è neanche una sorpresa. Perché i miti senza tempo possono, anzi devono riaffacciarsi di tanto in tanto. 
Il live action colpisce ancora. La rivisitazione de Il Libro della Giungla è infatti soltanto l'ultima di una lunga serie di film dedicati ai classici. Negli ultimi anni siamo stati infatti abituati a vedere remake di "vecchie" favole che hanno fatto la storia del cinema Disney e non solo. Maleficent (La bella addormentata nel bosco), Biancaneve e il cacciatore (Biancaneve), Cenerentola, Alice in Wonderland (Alice nel Paese delle meraviglie) e ai tempi fu anche per la Carica dei 101. Ora tocca quindi al Libro della Giungla e, dopo il cartone animato firmato Walt Disney del 1967, il live action uscirà nelle sale il 14 aprile. Diretto da Jon Favreau è prodotto dalla Disney e ha un cast d’eccezione: Neel Sethi vestirà i panni di Mowgli, mentre le voci dei personaggi principali saranno interpretate da Bill Murray, Ben Kingsley, Idris Elba, Lupita Nyong’o, Scarlett Johansson, Giancarlo Esposito e Christopher Walken. Tra i doppiatori delle voci italiane degli animali ci sono Neri Marcorè, Toni Servillo Giancarlo Magalli e Violante Placido. 

Mowgli, eroe (finalmente) senza superpoteri: il libro della giungla con le voci di Magalli e Marcorè
La trama del film sarà pressoché quella dell’originale. È il diciannovesimo Classico Disney. Ispirato alle storie del bambino selvatico Mowgli dell'omonimo libro di Rudyard Kipling, fu l'ultimo film ad essere stato prodotto da Walt Disney, che morì durante la sua produzione. 
Mowgli, un piccolo bambino orfano, viene trovato in una cesta nelle giungle profonde del Madhya Pradesh, nel cuore dell'India. Bagheera, la pantera nera che scopre il bambino, lo porta subito presso una madre di lupo indiano, che ha appena avuto una cucciolata. Lei lo cresce insieme ai propri cuccioli e Mowgli viene ben presto a conoscenza della vita della giungla. Mowgli viene mostrato dieci anni più tardi, mentre gioca con i suoi fratelli lupi.
Una notte, quando la tribù dei lupi viene a sapere che il malvagio Shere Khan, una tigre del Bengala mangia-uomini, è tornato nella giungla, si rende conto che Mowgli deve essere portato al "villaggio degli uomini" per la sua sicurezza. Bagheera si offre volontario per scortarlo fino a lì.
Partono quella stessa notte, ma Mowgli è determinato a restare nella giungla. Lui e Bagheera si fermano su un albero per la notte, quando Kaa, un affamato pitone delle rocce indiano affetto da un'insopportabile sinusite, appare ed ipnotizza Mowgli in un sonno profondo e tranquillo, lo intrappola saldamente nelle sue spire e cerca di divorarlo, ma fallisce grazie all'intervento di Bagheera; nel tentativo di vendicarsi sulla pantera, Mowgli si risveglia dall'ipnosi e getta Kaa al di sotto dell'albero, dopodiché il pitone si allontana dolorante e con un nodo in fondo alla coda. La mattina dopo, Mowgli tenta di unirsi alla pattuglia degli elefanti guidata dal colonnello Hathi e da sua moglie Guendalina, dove il ragazzo farà amicizia col piccolo figlio di Hathi. Bagheera trova Mowgli ed i due litigano, così Bagheera se ne va, lasciando Mowgli da solo. Mowgli incontra presto Baloo, un orso labiato rilassato, pigro ed amante del divertimento, che mostra a Mowgli il bello di avere una vita spensierata, promettendogli di prendersi cura di Mowgli e di non portarlo al villaggio degli uomini. Da lì inizia un'avventura entusiasmante, che non raccontiamo per quei pochi che avranno il piacere di gustarsela per la prima volta. Al cinema. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]