Ag. Entrate si dedica all’assistenza: le novità a portata di clik per la precompilata 2016

12 aprile 2016 ore 11:50, Luca Lippi
L’agenzia delle Entrate ha fatto debuttare ieri online un sito dedicato totalmente all’assistenza del contribuente per guidarlo nell’accesso e nella compilazione del 730 precompilato. Una guida che all’inizio sarà soggetta a qualche correzione, è fisiologico, in ogni caso Agenzia Entrate ha già annunciato che il sito sarà arricchito e aggiornato continuamente allo scopo di non lasciare il contribuente da solo a doversi districare in una pratica fino allo scorso anno ignota a chiunque se non ai professionisti del settori.

Ag. Entrate si dedica all’assistenza: le novità a portata di clik per la precompilata 2016

Intanto è pronto il provvedimento che individua i destinatari del 730 precompilato, le modalità di accesso e soprattutto il via libera dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.
Per accedere al sito bisogna digitare “infoprecompilata.agenziaentrate.it.”, all’interno si trovano le informazioni su come visualizzare, compilare, integrare o modificare e trasmettere la dichiarazione. Sono indicati anche i canali di assistenza attivi, che, in vista della partenza dell’operazione precompilata, saranno potenziati per rispondere alle richieste dei cittadini. In primo piano, tutte le novità di quest’anno, come i nuovi oneri e spese già inseriti dal Fisco. In una sezione ad hoc vengono invece ricordate le scadenze ed eventuali novità.
Venerdì 15 il modello sarà disponibile per tutti, anche per coloro che non hanno presentato il 730 lo scorso anno. La precompilata apre anche ai coniugi, che per il primo anno potranno decidere di presentare il 730 congiunto direttamente, senza quindi doversi necessariamente rivolgere a un Caf o a un professionista abilitato. A questo scopo, il soggetto che intende presentare la dichiarazione in qualità di “coniuge dichiarante”, dovrà indicare nell’area autenticata il codice fiscale del coniuge che presenterà il modello 730 congiunto in qualità di “dichiarante”. Per consegnare ai cittadini un modello ancora più completo, la precompilata 2016 si arricchisce di 700 milioni di nuovi dati, tra cui le spese sanitarie e universitarie.
Entrano nella precompilata molti più oneri detraibili e deducibili trasmessi da terzi, in particolare le spese sanitarie (fatta eccezione per i soli farmaci da banco), le spese universitarie, le spese funebri, i contributi per la previdenza complementare e le spese per interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica. Si tratta di oneri che, negli anni scorsi, hanno fatto registrare le frequenze più alte in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi. Queste nuove informazioni si aggiungono a quelle provenienti dalle certificazioni dei sostituti d’imposta per redditi di lavoro dipendente e assimilati, pensioni e compensi per attività occasionali di lavoro autonomo, ai dati trasmessi da soggetti terzi già dallo scorso anno, come, ad esempio, interessi passivi sui mutui, premi assicurativi e contributi previdenziali.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]