Tutti contro Ban Ki-Moon per i Marò. Se fossero stati due francesi... Ecco le critiche

12 febbraio 2014 ore 13:40, Marta Moriconi
Tutti contro Ban Ki-Moon per i Marò. Se fossero stati due francesi... Ecco le critiche
"E' fondamentale che si rilanci una grande iniziativa internazionale, il Governo ci garantisca che su questo fronte sta raccogliendo il consenso delle istituzioni e dei nostri interlocutori di tutto il mondo". Nicola Latorre, presidente della commissione Difesa a Palazzo Madama, non si tiene. Il caso Marò va risolto. E afferma: "Abbiamo apprezzato l'intervento del ministro Bonino che ieri ci ha rassicurato sull'azione portata avanti nelle sedi internazionali affinché sulla vicenda che sta angosciando il nostro Paese, che vede coinvolti i due fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, maturi un atto corale di censura nei confronti dell'atteggiamento ormai non più tollerabile delle autorità indiane". Quanto all'Onu e al suo non schierarsi non le manda a dire:  "Ieri è  accaduto qualcosa che ci ha molto colpito e che ci preoccupa. Le dichiarazioni del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, il quale ha sottolineato che questa non può essere una vicenda su cui si caratterizza un impegno della massima istituzione internazionale, ma è un problema bilaterale dei nostri due Paesi, dell'Italia e dell'India, minano un processo fondamentale per la soluzione della vicenda. Questa dichiarazione ci preoccupa ed è anche in contrasto con quanto ci ha comunicato ieri il ministro; pertanto chiedo, ed è un atto politico non certo per mettere in discussione i nostri impegni internazionali, di rimandare l'esame del provvedimento di conversione del decreto recante proroga delle missioni internazionali a dopo che il ministro degli Esteri sia venuto in Aula e ci abbia detto come il Governo italiano intende reagire alle recenti dichiarazioni del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon". E attacca il Palazzo di Vetro anche Ignazio La Russa, presidente di Fratelli d'Italia.
Tutti contro Ban Ki-Moon per i Marò. Se fossero stati due francesi... Ecco le critiche
"Sicuramente Ban Ki-moon non avrebbe osato dire le stesse cose se invece dei due fucilieri italiani ci fossero stati due militari inglesi, tedeschi, americani o francesi. Che la dignità nazionale non fosse un valore per il nostro esecutivo lo avevamo capito da tempo. Ora si certifica anche il suo scarso peso internazionale. E intanto da Palazzo Chigi e dalla Farnesina continua il silenzio". Gli fa eco Maurizio  Gasparri: "L'Onu conferma una volta di più la sua costosissima inutilità con il segretario generale, una figura marginale e irrilevante nel contesto mondiale, che nega l'internazionalizzazione della vicenda del sequestro in India dei nostri marò". Le parole sono forti, e ma non ferma qui. "Ban Ki-moon offende l'Italia relegando la vicenda a un contenzioso del nostro paese con l'India mentre siamo di fronte all'arroganza di uno Stato-pirata nei confronti dei nostri soldati". Il senatore di Fi e vice presidente del Senato poi sollecita una reazione immediata dell'Italia  re avverte di aver posto il problema in Commissione difesa al Senato, aggiungendo che "non è tollerabile l'atteggiamento dell'Onu, preda come sempre delle posizioni terzomondiste. L'India vorrebbe perfino un seggio permanente nel Consiglio di sicurezza. Pretesa assurda di fronte all'atteggiamento piratesco di quel Paese".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]