C'è l'Isis dietro il doppio attacco a Baghdad? Sospetti sull'assalto al centro commerciale

12 gennaio 2016 ore 11:03, Luca Lippi
Non è più solo un fenomeno francese e nello specifico parigino, non lo è mai stato, e l’attentatao di Baghdad ce lo ricorda con orrore e prepotenza. Un commando di uomini ha fatto irruzione in un centro commerciale di Baghdad dopo che già un “martire” di era fatto esplodere provocando nell’immediato dieci vittime. Dopo circa un’ora dall’assalto durante il quale è stato seminato il terrore con colpi di arma da fuoco e prese in ostaggio di ignari civili, arriva anche la rivendicazione dell’assalto, è l’Isis che si palesa attraverso internet con un “Il peggio deve ancora venire”.

C'è l'Isis dietro il doppio attacco a Baghdad? Sospetti sull'assalto al centro commerciale
La dinamica: con un’autobomba si è seminato il panico per poi consumare l’assalto entrando nel centro commerciale armati e prendendo circa 70 ostaggi. Il bilancio finale dell’assalto è stato di oltre 40 vittime, mentre gli ostaggi sono stati liberati dall’intervento delle forze dell’ordine. Dopo qualche ora dall’attentato il ministro dell’interno di Baghdad ha fatto sapere che tutti i terroristi sono rimasti a loro volta vittima a seguito dell’intervento delle forze dell’ordine nelle fila delle quali si contano dieci morti nell’azione.
Non è stato l’unico episodio, è sempre più diffusa la pratica di attacchi in punti diversi, una strategia per rallentare e depotenziare il pronto intervento delle forze di sicurezza, una serie di esplosioni si sono segnalate in diverse zone della città fra il pomeriggio e la serata. Un ordigno è esploso all’interno di un bar provocando 20 vittime. Inevitabile l’innalzamento dei livelli di sicurezza non solamente a Baghdad. Secondo commentatori iracheni intervenuti in serata a programmi di approfondimento sulla tv al Iraqiya, proprio la sconfitta subita dall'Isis a Ramadi può aver spinto il gruppo a lanciare una "rappresaglia" nel cuore della capitale.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]