Emergenza sanitaria migranti, denuncia Tonelli (Sap): "Polizia del tutto impreparata"

12 giugno 2015, Adriano Scianca
Emergenza sanitaria migranti, denuncia Tonelli (Sap): 'Polizia del tutto impreparata'
L'immigrazione? “Colpa dell'imbecillità ideologizzata”. Non usa mezzi termini Gianni Tonelli, segretario nazionale del Sap. L'esponente del sindacato di polizia, parlando con IntelligoNews, spiega tutte le difficoltà delle forze dell'ordine nella gestione dell'emergenza: “Quali problemi abbiamo? Faccio prima a dire quali non abbiamo”. 

Tonelli, le forze dell'ordine italiane sono preparate a questa emergenza?

«Non siamo affatto preparati. L'altro giorno a Milano ci siamo trovati a lavorare con delle persone affette da scabbia. La mancanza di una cintura sanitaria si fa sentire. Queste persone, quando sbarcano, sono sottoposte a un esame sommario, senza ausilio strumentale, poi vengono portate sul territorio nazionale, dove interagiscono non solo con noi, ma con la società civile». 

Come nasce per lei questa emergenza? 

«Semplice: dall'irresponsabilità di dare a un continente martoriato da guerre come l'Africa il sentimento della speranza. Abbiamo fatto loro credere che qui c'è un continente che può accogliere tutti. E la situazione è destinata a peggiorare. L'Ue l'ha detto chiaramente: l'Italia si deve arrangiare. La colpa è della nostra imbecillità ideologizzata che deve dire di sì a tutto. Andiamo invece a vedere qual è l'atteggiamento delle polizie di frontiera di Austria, Svizzera, Francia...». 

Quali problemi avete voi, concretamente, sul campo? 

«Faccio prima a dirle quali non abbiamo. Siamo sotto di 42mila uomini per colpa dei tagli lineari. Nel '92 avevamo l'equivalente di 90 milioni di euro per le divise, oggi ne abbiamo 15,8. In tutto questo dobbiamo fare i conti con una situazione che presenta grosse difficoltà, anche culturali. In queste strutture ci sono molte etnie diverse, spesso fra loro si odiano, basta un nonnulla per scatenare una rissa o una rivolta. In più c'è un grande problema di degrado delle nostre città, basta girare un po' per rendersene conto». 

Si è fatto un'idea di come risolvere la situazione? 

«Certo, dobbiamo evitare che arrivino e quando arrivano riportarlo indietro. Basta avere la volontà politica, dato che in passato c'eravamo riusciti».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]