L'antitrust non si fida di Apple Music... che è nel mirino

12 giugno 2015, Micaela Del Monte
L'antitrust non si fida di Apple Music... che è nel mirino
La vita di Apple Music non è ancora iniziata e già sembra sembra dover affrontare parecchi problemi, soprattutto dal punto di vista della concorrenza con Spotify e YouTube.

Secondo il Financial Times, infatti, i procuratori generali degli Stati di New York e del Connecticut stanno indagando per capire se ci siano accordi tra le case discografiche e Apple che violino le norme sulla concorrenza nel mercato della musica in streaming. Insomma, per verificare se Apple abbia cercato di influenzare i big discografici per ottenere vantaggi competitivi rispetto agli altri servizi di musica in streaming, primo fra tutti Spotify, ovviamente soddisfatto dai controlli dell'Antitrust.

Il programma di streaming musicale nato 9 anni fa dal canto sui ha voluto dare una bella stoccata alla casa di Cupertino pubblicando i numeri del suo ultimo anno. Sportify ha infatti annunciato di aver raggiunto 75 milioni di utenti attivi, di cui 20 milioni sono abbonati a pagamento, evidenziando un incremento del 100% in un anno. Il servizio di musica in streaming è riuscito a raccogliere investimenti per 526 milioni di dollari, cifra che fa salire la valutazione della società a 8,53 miliardi di dollari.

Insomma, Apple questa volta rischia grosso considerando anche che i due procuratori che stanno indagando su Apple Music sono gli stessi che verificarono gli accordi tra Apple e le case editrici sul prezzo degli eBook. Indagine che costò alla mela un patteggiamento e una multa da 450 milioni di dollari.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]