La google car funziona: pochi incidenti ma di chi è la colpa?

12 maggio 2015, intelligo
La google car funziona: pochi incidenti ma di chi è la colpa?
Gli scontri tra Google car sono meno pericolosi, e arrecano minimi danni al conducente e alla stessa macchina che li ha fatti (anzi subiti) a velocità moderata. 

La prova è stata fatta in California con le automobili che si guidano da sole e da maggio scorso, quando è iniziata la sperimentazione delle vetture "senza mani" al volante nello Stato USA, si sono registrati solo quattro incidenti su 48 auto circolanti (tre scontri li ha avuti la Lexus di Google, il quarto pesa su Delphi Automotive).  

Ma i dati sono incerti (almeno da quello che trapela essendo la normativa statunitense sugli incidenti inserita all'interno delle informazioni confidenziali) in quanto nella metà delle auto coinvolte una persona fisica guidava ancora la macchina. 

E i "botti" sarebbero dovuti a fattori esterni, un tamponamento mentre la Delphi svoltava a sinistra con velocità risibili: meno di 10 miglia all'ora.

Chris Urmson, a capo del progetto di Google, conferma comunque le prime indiscrezioni così: "Nei sei anni di progetto - ricorda - siamo stati coinvolti in 11 incidenti di poca rilevanza (danni lievi, nessun ferito) nel corso di questi 1,7 milioni di miglia percorse con guida automatica e manuale con i nostri piloti dietro al volante, e non una sola volta la macchina è stata responsabile dell'incidente". 

Ma è difficile affidarsi "senza cervello" ad una macchina, e rimangono perplessità e verifiche da effettuare. 
E poi la questione è anche giuridica: di chi è la responsabilità in caso di incidenti?

E' un algoritmo a prendere una decisione e chi paga quando l'incidente è inevitabile per salvare magari una vita? Il software non è un uomo, e  come fargli avere una coscienza...

(m.m.)
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]