Il leghista Volpi: "A Roma decisivi e in Puglia c'è il pieno ovunque. Garbatella? Questione di tempo"

12 maggio 2015, Marco Guerra
Il leghista Volpi: 'A Roma decisivi e in Puglia c'è il pieno ovunque. Garbatella? Questione di tempo'
 “A Roma siamo diventati decisivi e in Puglia facciamo il pieno ovunque andiamo”. Il senatore Raffaele Volpi, luogotenente di Salvini al centro-sud, canta vittoria davanti al lancio di uova e le contestazioni dell’estrema sinistra che accompagnano le tappe del leader della Lega. Sentito da IntelligoNews, Volpi garantisce: “Prima o poi anche alla Garbatella”. 

Senatori Volpi ci fa un primo bilancio della campagna nel Centro-Sud?

«Va benissimo, abbiamo fatto il pieno di gente agli incontri di Lecce, Bari, Andria e Foggia; e poi abbiamo chiuso con lo straordinario successo al Brancaccio di Roma con circa 1500 persone».

Un risultato che può essere considerato la risposta migliore a chi vuole impedire a Salvini di far visita al quartiere della Garbatella? 

«Salvini alla Garbatella prima o poi ci andrà, ma prima qualcuno che siede al ministero dell’Interno ha il dovere di garantirci la sicurezza e l’agibilità politica che vengono messe in dubbio dai soliti facinorosi».

Anche ieri a Foggia non sono mancate le contestazioni. La stampa non ha parlato d’altro…

«Malgrado i soliti quattro che tirano fumogeni, ieri a Foggia avevamo una sala stracolma. Più in generale, in tutta la Puglia abbiamo avuto un grande riscontro in termini di partecipazione. In questa regione, nessun altro movimento sta conducendo una campagna elettorale che suscita tanto entusiasmo. Tuttavia la stampa preferisce raccontare dei contestatori dell’estrema sinistra, ma a noi importa poco»

Lei che è un leghista della prima ora se lo aspettava un terreno cosi fertile al di sotto della “linea del Tevere”? 

«Sì me lo aspettavo, è da un anno che sto lavorando al centro-sud per promuovere il progetto ‘Noi con Salvini’ e posso dire che mi trovo benissimo perché non c’è geografia quando s’incontra gente che vuole impegnarsi per un futuro migliore per i propri figli».

Anche vedere Salvini nella Capitale non le fa nessun effetto? 

«Il risultato del Brancaccio è particolarmente significativo perché rappresenta la consapevolezza che siamo diventati una forza centrale anche nella politica romana. Alle prossime elezioni amministrative chiunque voglia correre per il Campidoglio sarà costretto a fare i conti con il nostro movimento»

Sul palco era presente anche Simone Di Stefano di CasaPound, il quale ha portato in sala molti sostenitori di Sovranità, il nuovo movimento della destra sovranista che appoggia Salvini…

«Sì, è una nuova importante realtà che si riconosce nella leadership di Salvini e con la quale condividiamo diversi obiettivi politici, sempre nel rispetto delle identità e della storie diverse da cui proveniamo»

Nel frattempo i risultati delle amministrative in Trentino Alto Adige vedono il tracollo di Forza Italia. Il partito di Berlusconi raccoglie percentuali da partito Repubblicano, italiano però. Il peso di Fi nella coalizione sarà ancora lo stesso? 

«Scusi ma quale coalizione?».

Quella del centro-destra…

«Lei fa riferimento ad un vecchio centro-destra che non esiste più. E dopo il 31 maggio ci sarà una nuova consapevolezza di tutto questo. In Trentino Alto Adige la Lega ha fatto un ottimo risultato, di buon auspicio per le Regionali, perché ha continuato a stare sul territorio, ma non entro nel merito delle riflessioni che dovrà fare Forza Italia. Ad ogni modo credo proprio che non abbia alcun senso parlare di coalizione in questo momento».

Per chiudere ci vuole raccontare un’immagine che l’ha particolarmente colpita nel tour elettorale nel Centro-Sud Italia? 

«Ribadisco: più che un singolo episodio, mi ha colpito l’entusiasmo di tante persone che ancora credono e vogliono impegnarsi nella politica. E quando si ha a che fare con delle emozioni e delle idee sincere significa che la nostra attività non si è ridotta a una mera ricerca di voti»
autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]