Unioni civili, gli emendamenti di Giovanardi e il collega "traditore" Costa

12 maggio 2015, intelligo
Unioni civili, gli emendamenti di Giovanardi e il collega 'traditore' Costa
Mentre sulle unioni civili è iniziata la battaglia parlamentare al Senato
con tanto di emendamenti tutti interni alla maggioranza di governo, per rimettere mano al ddl Cirinnà (leggere Giovanaradi-Binetti), posa il ‘mitragliatore’ il viceministro della Giustizia Enrico Costa, ospite del programma di Klaus Davi, 'KlausCondicio', on air su YouTube: "Spero che si possa trovare una rapida soluzione che riconosca tutte le espressioni di tutte le sensibilità. Lo dico chiaramente, anche se so bene che non tutti quelli del mio partito la pensano così". 

Per Costa "quando si parla di libertà di espressione, si parla anche di libertà di poter esprimere le proprie sensibilità. Lo Stato deve garantire i percorsi, non può comprimere. Sono favorevole alle unioni omosessuali e penso che si debbano affermare i diritti. Lo Stato ne deve prendere atto e cercare di coordinare e regolare". 

Diversa la sua posizione sulle adozioni: "Ho qualche riserva in più, ma sono disponibile ad affrontare il tema e a discuterne", ha aggiunto. 

E se Giovanardi non apre alcuno spiraglio di mediazione, ci pensa lui a farlo: "Tra i testi che ci sono in Parlamento possiamo trovare una soluzione. Non deve prevedere chiusure pregiudiziali".

(m.m.)

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]